Tentano di estorcere 700 euro alla barista PDF Stampa E-mail
Mola di Bari - Cronaca  /  Scritto da Redazione - Giovedì 02 Dicembre 2010 17:49

MOLA - carabinieriHanno finto di essersi dimenticati la sera prima, in un bar, il portafogli contenente 700 euro e li pretendono dalla titolare, aggredendola e devastandole il locale. Solo il tempestivo intervento di una pattuglia dell’Arma, che ha tratto in arresto la coppia, ha evitato conseguenze più gravi. Si tratta di Gianni Lorusso, 29enne del quartiere Japigia di Bari e Raffaella De Serio, 27enne di Cassano delle Murge, entrambi già noti alle forze dell’ordine, arrestati ieri pomeriggio a Mola di Bari dai Carabinieri della locale Tenenza, con l’accusa di tentata estorsione e lesioni personali. Attivati da una segnalazione giunta sul “112” per un aggressione in corso, i miliari si sono recati presso un bar di quel centro. Qui, hanno bloccato ed identificato la coppia, indicata quale responsabile, che si apprestava ad uscire frettolosamente. Nel locale, invece, i carabinieri hanno trovato la titolare, dolorante e con il volto tumefatto, nonché i suoi anziani genitori, in palese stato di agitazione, che hanno riferito quanto accaduto. Gli accertamenti eseguiti hanno permesso di appurare che i due, in modo particolare la ragazza, asserendo alla titolare di essersi lì intrattenuti la sera precedente, avevano riferito falsamente di aver dimenticato il portafogli e che, non avendolo ritrovato,  avevano preteso dalla donna la restituzione del denaro contenuto, pari a 700 euro. Al suo rifiuto, la ragazza non ha esitato ad aggredirla e poi a scaraventare per terra il registratore di cassa, nel tentativo d’impossessarsi del denaro. L’intervento degli anziani genitori della malcapitata prima e quello dei carabinieri subito dopo, hanno impedito conseguenze ben più gravi. Tratta in arresto, la coppia è stata associata nel carcere del capoluogo barese, mentre i tre malcapitati, soccorsi presso il punto di primo intervento di quel centro, hanno riportato lesioni giudicate guaribili in 10 giorni per la titolare del negozio, per un trauma cranico e 5 giorni ad entrambi i suoi genitori, per il forte spavento.  (Foto di repertorio)





 

Commenta la notizia - Regolamento


Consigliati