Attendeva moglie e suocero sotto casa con la pistola PDF Stampa E-mail
Mola di Bari - Cronaca  /  Scritto da Redazione - Giovedì 10 Giugno 2010 10:05





MOLA - Attendeva la moglie e il suocero sotto casa di quest’ultimo, con una pistola nella tasca nei pantaloni. Il provvidenziale intervento dei Cc, che hanno disarmato il malintenzionato, ha scongiurato una possibile tragedia familiare. E' accaduto a Mola di Bari, dove è stato arrestato un 27enne di Rutigliano per maltrattamenti in famiglia e detenzione abusiva di arma da fuoco. In tenenza è giunta una giovane donna, accompagnata da suo padre, la quale riferiva di essere stata picchiata violentemente dal proprio marito e che, per timore della propria incolumità, aveva deciso di rifugiarsi a casa dei propri genitori, attese le continue minacce di morte subite.  Valutata la reale situazione di pericolo, una pattuglia dell’Arma è piombata presso l’abitazione indicata, davanti alla quale i militari hanno individuato un giovane, poi identificato nel 27enne, in evidente attesa e palesemente agitato. La necessaria perquisizione del giovane ha consentito agli operanti di rinvenire, nelle sue tasche, una pistola semiautomatica cal. 6.35, con il colpo in canna ed altri due proiettili nel serbatoio. Immediato e provvidenziale, a questo punto, è stato l’arresto per il 27enne, poi trasferito nel carcere del capoluogo barese. La pistola, invece, è stata sequestrata ed affidata ai militari esperti della Sezione Investigazioni Scientifiche del Reparto Operativo di Bari, per i consueti accertamenti.
 

Commenta la notizia - Regolamento


Consigliati