Puglia Mon Amour



Itc, ricreazione all'aperto e settimana corta addio PDF Stampa E-mail
Monopoli - Attualità  /  Scritto da Stefania Allegretti - Domenica 26 Settembre 2010 08:04





MONOPOLI - Stato di agitazione presso l'Istituto Tecnico Commerciale di Monopoli. La nuova impostazione data  all'istituto di via S. Marco non piacerebbe agli studenti, che a distanza di poco più di una settimana dall'inizio delle lezioni, starebbero annunciando proteste. Il motivo della fibrillazione starebbe nell'allungamento della settimana scolastica che, se sino agli scorsi anni terminava il venerdì, quest'anno invece ha previsto anche il sabato come giorno di lezione. A ciò si aggiungerebbe l'impossibilità ad uscire dalle rispettive aule o al più dai corridoi durante la ricreazione, quindi la negazione della fruizione degli spazi aperti della scuola. Il Dirigente Scolastico, prof. Gaetano Di Gennaro, prende le distanze da chi, a suo dire, sta scioccamente fomentando malumori, spiegando l'adozione della settimana lunga come un provvedimento adottato lo scorso anno dal Collegio Docenti e dal  Consiglio d'Istituto: “Io sono per la settimana cortissima" - commenta il Dirigente, rammentando la presenza di un regolamento d'istituto e di un patto educativo di corresponsabilità fra organi scolastici. Di Gennaro, che evidenzia la sua impostazione democratica e partecipata alla Scuola, riferisce di aver preso contatti con un gruppo di studenti e di averli invitati a votare i propri rappresentanti al fine di giungere alla definizione di questa come qualsivoglia problematica interna alla scuola: “Non mi piace che questioni interne diventino di dominio pubblico, in questo sono reazionario. Certo non posso essere tacciato di autoritarismo se vieto ai miei ragazzi di fumare a scuola”. Bollando come “chiacchierine” i malumori emersi puntualizza: “A causa degli interventi strutturali e di alcuni docenti, le classi stanno facendo l'orario ridotto sino alle 12.00. In quei casi la ricreazione non è prevista ma viene fatta ugualmente dai miei studenti. Approfitto per evidenziare che, attraverso il nostro impegno, si sta lavorando in 20 giorni alla soluzione delle infiltrazioni al soffitto, si stanno bonificando gli spazi abbandonati, si sta allestendo un'aula docenti, effettuando interventi in palestra ed anche il trasloco dell'ITIS è vicino”. Entro la prossima settimana e con la rappresentanza degli studenti eletta, le questioni si potranno appianare.

 

Commenta la notizia - Regolamento


Consigliati