I vigili del fuoco chiedono aiuto al sindaco PDF Stampa E-mail
Putignano - Attualità  /  Scritto da Redazione - Lunedì 01 Settembre 2014 10:43

IMG-20140826-WA0003PUTIGNANO - La sede del distaccamento dei vigili del fuoco di Putignano è tutt’altro che sicura. Da tempo infatti gli operatori lamentano una mancanza di manutenzione che ha portato, a lungo andare, tutta una serie di disagi con cui è sempre difficile convivere. Il castello di manovra, usato dai vigili del fuoco per l’addrestramento, è usurato e necessita di un nuova copertura in legno; le tapparelle del piano superiore non si chiudono più e la copertura in ferro per le auto dei dipendenti è ormai logora. Ma c’è di più. Ogni volta che piove, l’acqua penetra nella struttura, creando grosse infiltrazioni sui muri interni; inoltre, da qualche tempo, anche il portone ha smesso di funzionare completamente. Un disagio, quest’ultimo, che rischia di allungare notevolmente i tempi di intervento.
Per questo nelle scorse settimane i vigili del fuoco, attraverso il rappresentante sindacale dei vigili della categoria per la Cgil, Carmelo Pesola, ha chiesto un incontro con il sindaco Domenico Giannandrea. L’incontro è avvenuto lunedì mattina. Il segretario del sindacato ha presentato al primo cittadino una richiesta di intervento per la manutenzione del distaccamento. “Con la presente – si legge nel documento  – si vogliono significare alcuni interventi di manutenzione da eseguirsi presso il distaccamento dei VVF sito in Putignano e che senza dubbio rientrano tra gli obiettivi principali da perseguire avuto riguardo dell’importanza che per ogni cittadino ha l’istituzione dei vigili del fuoco. Di seguito si elencano gli interventi che urgono:
1. sostituzione e messa in sicurezza, in quanto privi dei più elementari sistemi di sicurezza idonei a garantite la salvaguardia dell’incolumità delle persone allorquando attraversino mentre i portoni si chiudono, di sei portoni che esistono presso l’area ricovero dei mezzi di soccorso; 2. realizzazione di un canale, per la raccolta di acque meteoriche, intorno all’immobile al fine di evitare l’infiltrazione delle stesse nella pavimentazione, generando così l’umidità sulle pareti esterne; 3. manutenzione del rivestimento esterno in legno del castelli di manovra al fine di destinarlo all’addestramento del personale; 4. sostituzione delle tapparelle non funzionanti al piano superiore; 5. copertura in ferro parcheggio auto dipendenti.
È doveroso osservare che le opere sin qui elencate non rappresentano una sterile  elencazione, bensì sono atte a garantire il rispetto della vigente disciplina legislativa in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro, oltre che salvaguardare l’incolumità del personale operante”.
“Il sindaco Giannandrea – ha commentato il Pesola subito dopo l’incontro – si è dimostrato molto disponibile e ci ha assicurato che si impegnerà affinchè, partendo dai lavori più urgenti, si intervenga sul distaccamento dei vigili del fuoco”.
In realtà, però, i problemi di manutenzione della sede sono solo la punta di un iceberg. Da tempo il corpo risente dalla carenza di personale. “Il personale – commenta il rappresentante Cgil – non è sufficiente a coprire un territorio così esteso. Il distaccamento di Putignano copre la zona compresa fra Bari e Gioia del Colle e spesso gli uomini in servizio non bastano. Si sta lavorando a un aumento dell’organico (con un passaggio da 7 a 10 unità), ma questo non è ancora operativo. E comunque non sarebbe sufficiente – rimarca il sindacalista – visto che, a mio avviso, un territorio così esteso dovrebbe poter contare su due squadre pronte a partire. Purtroppo, invece, a volte si stenta a raggiungere il numero minimo di una sola squadra, ovvero di 5 unità”. Altro problema è rappresentato dal numero dei mezzi, anche questi vecchi e insufficienti. Per questo il sindacato ha già fatto richiesta al comando di Bari.





 

Commenta la notizia - Regolamento


Consigliati