Cap in crisi, si dimette il presidente PDF Stampa E-mail
Putignano - Attualità  /  Scritto da Redazione - Sabato 18 Gennaio 2014 10:37

Vito Campanella cap marchioPUTIGNANO - Questi sono giorni bui per la Cap, la Cooperativa Allevatori Putignano fondata dal compianto Cav. Giovanni Laera. Lunedì scorso è arrivata la scossa di assestamento, dopo il terremoto che aveva investito l’azienda alla notizia dell’arresto di Carmelo Quattrone, il consulente esterno della cooperativa, definito dalla DDA di Reggio Calabria, uomo di fiducia del boss di una cosca della ‘Ndrangheta. Mentre resta pendente l’interrogativo su cosa ci facesse un uomo della ‘Ndrangheta a Putignano, la Cap perde il suo presidente. Si è dimesso Vito Campanella, eletto al vertice della Cap dall’assemblea dei soci appena un anno fa per sostituire Pierdonato Costa, impossibilitato a svolgere i suoi compiti da problemi di salute. Campanella ha rassegnato le dimissioni da presidente e lo stesso hanno fatto altri due suoi fedelissimi. La crisi dell’azienda casearia è molto profonda. A confermarlo sono i numeri del bilancio: sarebbero lievitati a 5milioni di euro i debiti maturati nel 2013 dall’azienda, di questi 2 milioni sarebbero nei confronti dei soci conferitori e i restanti verso fornitori vari e dipendenti. I soci avrebbero maturato ben 8 mesi di ritardo nei pagamenti. A fare da specchio alla difficile situazione, è il dato sul latte conferito e lavorato ogni giorno, che negli ultimi tempi invece di aumentare è addirittura calato. In passato ogni giorno la Cap riceveva e trasformava in mozzarelle e formaggi circa 450 quintali di latte, ad oggi invece si lavorerebbero non più di 200 quintali di latte.





In edicola su Fax Settimanale ulteriori dettagli sulla complessa vicenda.

 

Commenta la notizia - Regolamento


Consigliati