aggiornato il 30/05/2014 alle 8:06 da

Leo Bentivoglio vince ‘Come vai a scuola?’

DALLA PUGLIA – Si è svolta giovedì 29 maggio la manifestazione conclusiva del progetto “Come vai a scuola?”, iniziativa finanziata dalla Regione Puglia sul tema della mobilità ecocompatibile a scuola e promossa dalla Converpress.
L’I.I.S.S. “Luigi Russo” di Monopoli ha fatto da cornice all’evento grazie alla preziosa collaborazione della referente progettuale, la professoressa Concetta Amato, che ha coinvolto tutte le classi del Liceo artistico.
I ragazzi hanno inviato gli scatti più significativi che li ritraevano mentre si recano a scuola con mezzi alternativi all’auto privata. Le foto sono successivamente state pubblicate sulla pagina facebook del concorso e il meccanismo virale della votazione attraverso il “Mi piace” ha sancito lo scatto vincitore. Lo studente Leo Bentivoglio della III E ha ricevuto il maggior numero di consensi ritraendo la compagna Claudia Accardo mentre si reca a scuola con le cuffie nelle orecchie e lo skateboard come mezzo di spostamento.
“È lunga la strada per arrivare a scuola ma… le ruote di uno skate e i miei piedi mi bastano per godere degli odori e colori intorno a me… ascoltando buona musica”. Questa la didascalia che corredava la foto che è stata mostrata durante la cerimonia. Il “fotografo” Bentivoglio ha quindi raccontato com’è nata l’idea e la tecnica di elaborazione dell’immagine. Il premio riservato in palio è un corso di equitazione presso il Centro Ippico “Marchione di Puglia” di Conversano.
Durante la manifestazione è stato proiettato un video-cartoon che sensibilizza all’uso dell’intermodalità ecocompatibile, promosso durante la “Settimana Europea della Mobilità Sostenibile” dello scorso settembre, e sono stati ringraziati tutti gli studenti che hanno preso parte all’iniziativa e il dirigente scolastico, il professore Raffaele Buonsante, che è intervenuto a sostegno della sensibilizzazione all’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi all’auto privata per gli spostamenti quotidiani, nel contesto scolastico e non solo.
Appuntamento, quindi, al prossimo anno scolastico perché alla domanda “Come vai a scuola?” possa seguire una risposta meno usuale del solito e stimolare una riflessione sul suo senso più didascalico, ovvero sul modo in cui si consuma il tratto di strada tra l’abitazione degli studenti e la scuola.

PremiazioneFoto vincitrice

© Riproduzione riservata 30 Maggio 2014

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento