aggiornato il 10/02/2020 alle 11:54 da

L’ultimo giro di giostra

Associazione "Chiaro e Tondo"
L’ultimo giro di giostra

È inutile per l’uomo conquistare la luna, se poi finisce per perdere la terra! Parafrasando Andy Warhol: “Avere la terra e non rovinarla rappresenta la più bella forma d’arte che si possa desiderare”. In uno scenario infausto, sarebbe auspicabile un nuovo umanesimo affinché la terra si ricopra di uno strato di pelle sano e ben protetto. Il tempo a disposizione per la salute del nostro pianeta è breve e severo: siamo per davvero al nostro “Ultimo giro di giostra”, chiamati a rispondere con atti seri di responsabilità e presa di coscienza. CHIARO &TONDO, aderendo all’appello di sensibilizzazione verso i popoli nativi del Sudamerica contro la deforestazione, reinterpreta in chiave artistico-satirica la grande foresta amazzonica e sposa intimamente le parole di Kurt Vonnegut: “Care generazioni future, vi prego di accettare le nostre scuse. Eravamo ubriachi fradici di petrolio”.

L’opera rappresenta una porzione della foresta, abitata e difesa da figure indigene che danzano per allontanare il male. La parte inferiore è composta da un sottobosco da cui si innalzano alberi e piante. Nella parte superiore delle chiome emerge una macchina del tempo che indica l’urgenza di agire al più presto.

MISURE
Altezza: 15 mt ­– Lunghezza: 9-10 mt – Larghezza: 9-10 mt

© Riproduzione riservata 10 Febbraio 2020

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *
Nome
Email *
Sito web