aggiornato il 23/07/2014 alle 9:41 da

Crostata alle melanzane

PRINCIPI ATTIVI, PROPRIETA’, VALORI NUTRIZIONALI E COTTURA DELLA MELANZANA

Sembra che la melanzana abbia proprietà paragonabili a quelle del carciofo, per la presenza di alcune molecole simili alla cinarina: a tal proposito, l’ortaggio è utilissimo per il riequilibrio della funzionalità epatica. Stimolando l’attività del fegato, la melanzana presenta anche proprietà ipocolesterolemizzanti.
Come sopradescritto, la melanzana è ricca di potassio, mentre il contenuto di fosforo e calcio è piuttosto modesto, pertanto vanta discrete potenzialità rimineralizzanti.
Essendo fonte di fibre, l’ortaggio è ideale in caso di stipsi: alla melanzana sono, infatti, attribuite blande proprietà lassative. Inoltre, è consigliata nelle diete in caso di anemia, aterosclerosi, oliguria e gotta. Note anche le virtù depurative, diuretiche ed antinfiammatorie associate alla melanzana. Anticamente, le foglie di melanzana erano utilizzate per preparare cataplasmi emollienti utili in caso di ascessi, scottature ed emorroidi.
Le melanzane, pur essendo in sé amiche delle diete povere di calorie, possono risultare bombe caloriche in base alle modalità di cottura: la pasta spugnosa dell’ortaggio assorbe moltissimo il condimento, prestandosi perfettamente ad insaporire e ad arricchire piatti gustosissimi ed ipercalorici.
La semplice cottura alla griglia non è problematica per le diete povere di calorie, poiché la preparazione delle melanzane avviene, in questo caso, senza necessità di olio in cottura. È palese che, cucinando le melanzane in padella, friggendole nell’olio o, ancor peggio, farcendole anche con pomodoro e mozzarella, le calorie crescono esponenzialmente.
La melanzana cruda apporta solamente 18 Kcal per 100 grammi; prendendo come riferimento una melanzana dal peso ideale di 100 grammi, il 92,7% è costituito da acqua, mentre il rimanente 7,3 % è ripartito tra carboidrati (2,6%), fibre (2,6%), proteine e grassi (tracce).
Inoltre, la melanzana assorbe molti sali minerali dal terreno, in particolare potassio, ed è ricca in fibre.

crostata alle melanzane

Preparazione

 

Iniziate con il preparare una pasta frolla. Disponete a fontana la farina, aggiungetevi il burro fuso a bagnomaria e, dopo aver aggiunto l’uovo sbattuto con un pizzico di sale, impastate bene.
Prendete la pasta, formate una palla, avvolgetela in un canovaccio e lasciatela riposare per un paio d’ore in frigorifero.
Intanto preparate il ripieno. Pulite, lavate e sbucciate le melanzane e tagliatele a fettine spesse circa un centimetro.
Mettete a spurgare con un po’ di sale grosso le melanzane così tagliate per circa 2 ore.
Asciugate le melanzane e fatele saltare a fiamma alta in un tegame ben oliato, aggiungendovi il prezzemolo tritato e l’aglio poco prima di toglierle dal fuoco.
Prendete la pasta e stendetela (molto fine) per poi posarla in un tegame di circa 20 cm di diametro, avendo cura di posarla bene nei bordi e forate delicatamente il fondo con una forchetta.
Infornate la pasta a 220°C per 20 minuti.
Sfornate la pasta e riempitela in maniera omogenea con le melanzane, per poi versarvi sopra la panna mescolata con le uova sbattute.
Spolverate la crostata con sale e peperoncino, rimettetela nuovamente in forno a 180°C per 15 minuti circa.
Fate riposare circa 2 ore prima di servire.

INGREDIENTI

Per la pasta:
» 250 gr. di farina di tipo ’00’» 125 gr. di burro
» 1 uovo» Sale q.b.
Per il ripieno:
» 2 melanzane medie» 2 dl di panna
» 2 uova» 2 spicchi d’aglio
» Prezzemolo tritato q.b.» Peperoncino in polvere q.b.
» Olio extravergine d’oliva q.b.» Sale q.b.

Tempo preparazione: 20′
Tempo cottura: 35′ + 2 ore di riposo

CONSIGLI

Spesso quando si preparano le melanzane si nota un sapore amarognolo e fastidioso al palato. Per evitare questo inconveniente non si deve far altro che tagliare le melanzane come necessita la ricetta che dovete preparare, quindi posizionarle in uno scolapasta cospargendole leggermente di un po’ di sale grosso (non tanto). Coprite il tutto con un piatto e, per garantire che non passi aria, posizionate un peso in cima. Fate riposare le melanzane in questo modo per 2 ore, dopodiché utilizzatele senza aggiungere sale.

© Riproduzione riservata 23 Luglio 2014