aggiornato il 01/09/2014 alle 9:33 da

Funghi porcini stufati

PROPRIETA’ DEI FUNGHI PORCINI

I funghi non contengono grassi e sono poco calorici e dunque ottimi anche per chi voglia dimagrire e per chi debba seguire una dieta povera di grassi. Sono un’ottima fonte di minerali, in particolare fosforo, potassio, selenio e magnesio.
I funghi contengono, inoltre, lisina e triptofano, vitamine del gruppo B e alcune sostanze antiossidanti. Grazie alle loro caratteristiche aiutano il sistema cardiovascolare a mantenersi in forma.
Da secoli, poi, i funghi sono considerati un toccasana per il sistema immunitario e vengono spesso consigliati nell’alimentazione durante il cambio di stagione tra estate e autunno, per aiutare l’organismo a difendersi meglio. Tra l’altro, quello è il periodo migliore per consumarli freschi, anche per la maggiore disponibilità di funghi che crescono spontaneamente. Durante tutto il resto dell’anno, è più facile trovarli surgelati o secchi.
SAPEVATE CHE:
I funghi conservano le proprie caratteristiche nutrizionali anche quando sono essiccati; dunque, in mancanza di funghi freschi, quelli secchi andranno benissimo.
Il momento migliore per raccogliere funghi nei boschi è il mattino successivo a una nottata di pioggia; prima di mangiare funghi raccolti da sé è bene farli ispezionare a una ASL territoriale; esistono, infatti, centinaia di specie di funghi e solo una minoranza è commestibile. Il veleno di alcuni tipi di funghi è letale.

funghi porcini stufati

Preparazione

Iniziate con il pulire bene i porcini. Tagliate poi gambo e cappello.
Intanto in un’ampia padella mettete l’olio, il burro, l’aglio e lasciate soffriggere per qualche minuto.
Aggiungete i porcini tagliati a pezzi, una manciata di prezzemolo tritato, sale e pepe.
Chiudete con un coperchio e lasciate stufare a fuoco lento per circa 10 minuti.
Potete anche aggiungere qualche foglia di menta fresca, per dare un po’ di sapore in più.

INGREDIENTI

» 800 gr. di funghi porcini freschi» 50 gr. di burro
» Prezzemolo q.b.» 3/4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
» 1/2 spicchio d’aglio» Sale e pepe q.b.

Tempo preparazione: 15′
Tempo cottura: 10′

COME PULIRE I FUNGHI PORCINI FRESCHI

La pulitura dei porcini inizia dal gambo. Con un coltellino si elimina la parte terminale generalmente ricoperta di terra.
Poi si separano i gambi dalle teste. Non occorre usare il coltello, basta afferrare gambo e testa con le dita e ruotare entrambi in direzione opposta.
Con un coltellino appuntito si raschia superficialmente la parte inferiore della testa, asportando un po’ di spugnola con la terra che vi è attaccata.
Sempre col coltellino si strofina delicatamente la testa, eliminando contemporaneamente le eventuali parte ammaccate e meno sane.
Poi si strofina tutto il fungo con un telo inumidito, per completare la pulizia ed eliminare qualsiasi traccia di terra residua.
Si adagia la testa sul tagliere rivolta verso l’alto e col coltellino affilato e appuntito si taglia a fettine di uguale spessore.
Se la preparazione richiede il fungo a pezzetti, si taglia a metà e ogni metà si divide in triangoli.
Il gambo, invece, normalmente meno sodo, può essere tagliato a fette leggermente più spesse rispetto alla testa.

© Riproduzione riservata 01 Settembre 2014