Il 1799 e i martiri conversanesi PDF Stampa E-mail
Conversano - Storia e uomini d’altri tempi  /  Scritto da Luigi P. Marangelli - Domenica 29 Settembre 2013 16:41

Il movimento delle idee, che prepararono la rivoluzione francese, aveva avuto vari seguaci in Conversano ove le condizioni feudali facevano desiderare, più che in altre città ormai affrancate o di regio demanio, un mutamento radicale. Quanti per completare gli studi, preti e professionisti d’ogni specie, si erano recati a Napoli alla scuola del Pagano, del Conforti e di altri, erano ritornati in patria aspettando tempi migliori e avevano diffuso le nuove idee.

Il 22 Gennaio 1799, partito vilmente Ferdinando IV per la Sicilia, il generale francese Championnet entrava in Napoli, dichiarava decaduta la dinastia e proclamava la repubblica. Conversano fu una delle prime città ad aderire al nuovo stato di cose. L’esaltazione del momento non andò esente da eccessi: furono infranti gli stemmi feudali e badessali, devastate le tenute del conte, e dei vari monasteri. Fra canti di allegrezza si inneggiò alla dea Ragione e si piantò l’albero della libertà.

Ma i fautori di questo movimento, in seguito, patirono esilio e carcere. Più di tutti ebbero a soffrire Alessandro dell’Erba, condannato ad esilio perpetuo, prete esemplare e molto stimato dal vescovo conversanese Gennaro Carelli[1], il fratello Luca pure condannato a simile pena, e Vitantonio La Volpe. Vissero poi tutti tre in Conversano non venendo meno ai propri principii e furono ascritti alle vendite: i due dell’Erba ai Figli di Bruto e il La Volpe col fratello Giuseppe agli Emuli della Virtù.



[1]  Gennaro Carelli (1797-1818) conversanese, vescovo dal 1797.

 

Commenta la notizia - Regolamento


Consigliati