Puglia Mon Amour



Estetista conversanese muore a Pistoia, l'autopsia esclude l'ipotesi di violenza PDF Stampa E-mail
Emorragia celebrale. Sarebbe questa, secondo l’autopsia, la causa della morte di Lidia Valerio, la trentonovenne estetista di Triggianello frazione di Conversano, trovata morta nella sua abitazione in provincia di Pistoia.
Conversano - Cronaca  /  Scritto da Redazione - Sabato 02 Luglio 2011 17:51

ambulanza_CONVERSANO - Emorragia celebrale. Sarebbe questa, secondo l’autopsia, la causa della morte di Lidia Valerio, la trentonovenne estetista di Triggianello frazione di Conversano, trovata morta nella sua abitazione in provincia di Pistoia. La donna, stando a fonti investigative, sarebbe morta nella notte tra mercoledì e giovedì quando, intorno alle tre di notte, ha accusato un malore nel suo appartamento di Ponte Buggionese. A lanciare l’allarme sono state le dipendenti del centro “Baya del Sol”, sito in via Foscolo a Montecatini, dove Lidia lavorava come estetista ormai da qualche tempo. Giovedì mattina, infatti, le colleghe non l’hanno vista arrivare e, preoccupate dai diversi tentativi telefonici andati a vuoto, hanno avvertito i carabinieri. Poco dopo la segnalazione, i militari hanno fatto irruzione nell’abitazione della Valerio, trovando il suo corpo esanime privo di vestiti sul letto della sua camera dove è stata rinvenuta anche una bacinella e delle tracce di vomito sulle lenzuola, elementi che sembrano sostenere la tesi del malore. In un primo momento gli inquirenti hanno preso in considerazione anche l’ipotesi di una eventuale violenza, ma i risultati dell’autopsia, resi noti in queste ore, hanno escluso questa possibilità. Al momento dell’arrivo dei carabinieri, inoltre, l’appartamento della conversanese era chiuso e la porta d’ingresso non presentava segni di effrazione. A seguito della morte, in Toscana sono giunti i familiari della donna mentre la salma è stata trasferita a Pistoia e messa a disposizione delle autorità giudiziarie. Nelle prossime ore è atteso l’esito degli esami tossicologici, ma sembra difficile che la donna abbia assunto farmaci o altre sostanze. Sul caso indagano le forze dell’ordine di Pistoia che, nelle ore successive al decesso, hanno interrogato il fidanzato di Lidia Valerio il quale, tuttavia, nella notte tra mercoledì e giovedì, non era a casa della sua compagna.





 

Commenta la notizia - Regolamento


Consigliati