aggiornato il 28/10/2011 alle 14:10 da

Aggressione al capotreno, presi i bulli

CASTELLANA – stazione_CASTELLANAEsattamente un mese  fa, il 29 settembre scorso, un capotreno delle Ferrovie Sud-Est era stato aggredito e colpito più volte da un gruppo di studenti inferociti. L’episodio si era verificato sul treno che, partito da Bari alle ore 6.50, viaggiava in direzione della città delle Grotte. Il convoglio aveva da poco lasciato la stazione di Conversano quando veniva azionato la prima volta il freno d’emergenza. Una cattiva abitudine degli studenti che viaggiano in treno che così facendo ritardano l’arrivo a destinazione per poter saltare qualche ora di lezione. Il capotreno, come da prassi, aveva ripristinato il freno, e la corsa era ripartita. Per qualche chilometro. Nei pressi della stazione cittadina, infatti, era stato nuovamente azionato il freno d’emergenza. Questa volta, però, la manovra era stata notata da una passeggera che aveva descritto al capotreno il ragazzo che aveva appena tirato il freno. Il dipendente delle Ferrovie Sud-Est, un45enne di Bari, lo aveva individuato tra una quarantina di studenti presenti sul treno invitandolo a consegnargli i documenti e il tesserino dell’abbonamento. Il ragazzo, però, si era rifiutato e il capotreno aveva minacciato di chiamare i carabinieri una volta giunti in stazione. Scenario che aveva scatenato l’ira degli studenti che dopo aver accerchiato l’uomo lo avevano spintonato e colpito quattro volte alla testa. Soccorso da un collega, il  45enne era stato trasportato al locale pronto soccorso dove era stato medicato e sottoposto ad accertamenti clinici per i colpi ricevuti alla testa. Da quel giorno sono partite le indagini, condotte dai carabinieri della locale stazione in collaborazione con lo stesso capotreno e con gli agenti della PolFer di Bari. E così, a distanza di un mese, sono stati identificati i due minori responsabili dell’aggressione: due studenti minorenni di Conversano e Noicattaro. Secondo la ricostruzione dei militari lo studente di Noicattaro avrebbe azionato il freno di emergenza mentre il coetaneo di Conversano si sarebbe scagliato sul capotreno per difendere l’amico dopo la ramanzina. I due ragazzi sono stati denunciati, il primo per interruzione di pubblico servizio e il secondo per lesioni e aggressione ad incaricato di pubblico servizio.

© Riproduzione riservata 28 Ottobre 2011

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento