aggiornato il 16/03/2012 alle 17:10 da

Oncologia sovraffollata, immagini choc al ‘De Bellis’

CASTELLANA – “Lo sfogo di una persona che nonostante la sua malattia non riesce ad avere neanche durante le ore di terapia un momento di privacy”. “Noi pazienti oncologici continuiamo a non poter vivere il nostro dolore nella riservatezza”. Frasi agghiaccianti che hanno accompagnato le segnalazioni arrivate alla nostra redazione per denunciare lo stato di sovraffollamento dell’Unità Operativa di Oncologia dell’IRCCS “Saverio De Bellis”. “Ci sono dei giorni in cui noi pazienti, per mancanza di posto nelle stanze adibite, ci ritroviamo ad eseguire la terapia anche nel corridoio, insieme a pazienti che si recano nella struttura per la prima visita, e che quindi si ritroveranno nelle nostre condizioni, e ai loro accompagnatori”. Una denuncia scioccante che lascia davvero a bocca aperta. Dopo le segnalazioni di pazienti e parenti di pazienti abbiamo voluto verificare di persona la situazione recandoci, nella mattinata dello scorso giovedì, nell’Unità Operativa di Oncologia. E’ bastato seguire le indicazioni, salire al terzo piano con l’ascensore ed entrare nell’ambulatorio per trovare davanti ai nostri increduli occhi la scena che le foto pubblicate in questa pagina (scattate con un cellulare) commentano più di mille parole. Ulteriori approfondimenti sull’edizione di Fax in edicola domani.

oncologia1oncologia_2b

© Riproduzione riservata 16 Marzo 2012