aggiornato il 13/12/2012 alle 16:12 da

Nomine Grotte, la minoranza accusa: non applicata la spending review

minoranza_consiglioCASTELLANA – “In un momento di difficoltà economica come questo, rinnovare il consiglio di amministrazione della Grotte di Castellana Srl solo per mantenere difficili equilibri di maggioranza appare come un insulto nei confronti dei cittadini per i quali le imposte continuano ad aumentare a fronte di servizi ridotti al lumicino”. Questa la dura presa di posizione dei sei consiglieri comunali di minoranza – Simone Pinto (Puglia Prima di Tutto), Vito D’Alessandro (Protagonisti del Futuro), Michele Galizia (Castellana per Tutti), Pasquale Longobardi (Amici per lo sviluppo), Leonardo Frallonardo (Progetto per Castellana) e Franca De Bellis (Alleanza per Castellana) – all’indomani della decisione del sindaco  Tricase di sostituire il dimissionario presidente della Grotte di Castellana Srl Cosimo Cisternino con Domi Ciliberti, primo dei non eletti in consiglio comunale nel Pdl, con la contestuale decisione di confermare vicepresidente Vincenzo Montaruli (Lista Schittulli) e in attesa di conoscere il nome del terzo consigliere in quota Udc. “Nell’individuazione dei componenti – si legge in un documento depositato dai consiglieri all’indomani delle dimissioni del consigliere Maria L’Abbate – l’Amministrazione avrebbe dovuto tener conto delle disposizioni del recente decreto legislativo in tema di spending review che impone agli enti locali di nominare in sede di Cda almeno due dipendenti pubblici o, ancora meglio, l’amministratore unico. Ciò comporterebbe un evidente risparmio per le casse dell’Ente visto che per ciascun consigliere fra emolumenti fissi e gettoni di presenza si spendono circa mille euro mensili, a maggior ragione proprio nei mesi che hanno segnato la storica chiusura delle Grotte nei mesi invernali proprio per questioni di risparmio”.

© Riproduzione riservata 13 Dicembre 2012

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *
Nome
Email *
Sito web