aggiornato il 05/11/2011 alle 11:15 da

Trasferta a Triggiano per la Sei Sport

CASTELLANA – triggiano_capitan_MinafraSi gioca domani la quarta giornata di campionato della Sei Sport. La squadra, impegnata nel Campionato di Serie C di Pallavolo Maschile girone A, va in casa della Trivianum Triggiano, con prima palle alle 18 sul linoleum del De Viti De Marco.

Il commento di Pino Minafra, capitano della Trivianum, alla vigilia del match non nasconde un certo amarcord. “Sarà una sensazione strana ritrovare Alessandro Cisternino – dice – è vero, ci conosciamo da tanto tempo, ma rivederlo dall’altra parte mi porta inevitabilmente con la testa e col cuore a tutti i miei, anzi, nostri ex compagni di squadra. Ovviamente mi riferisco al roster degli ultimi anni con cui la Trivianum ha disputato due stagioni in Serie B2. L’ultima, quella del mio arrivo, è stata davvero speciale anche se non è proprio la parola giusta. Oserei direi … magica. Nella mia carriera, così lunga ormai, posso assicurarvi che è difficile già immaginare di poter costruire una alchimia e un affiatamento come quelli del nostro ex spogliatoio. Siamo riusciti in una impresa unica, inaspettata e sicuramente irripetibile per le emozioni provate”. Minafra, 42 anni, ribattezzato Capitan Futuro dalle casacche triggianesi, dà anche un commento più ampio. “Sono sbarcato qui nel 2010  per chiudere la carriera in bellezza e non poteva finire meglio, nonostante la scelta della società di cedere il titolo di quarta serie nazionale, dopo aver sfiorato addirittura la Serie B1. Resta l’amaro sapore di una avventura che aveva tutti i presupposti agonistici di continuare. Con lo stesso gruppo, oggi per la gran parte nelle fila del Volley Motula (Ta) in B2,  avremmo potuto marciare insieme almeno per un altro anno e fare ancora grandi cose. Ma è pur sempre una  gran bella scommessa quella di navigare e traghettare verso la maturità sportiva i miei giovani compagni di squadra, fin troppo giovani, che vedono in me una guida. Sono molto gratificato da questa sensazione e credo che non ci sia cosa più bella di costruire dal basso il futuro di un atleta che ritrovi, ad un tratto, al tuo fianco per sconfiggere l’avversario. Impagabile emozione”.

E veniamo alla gara. A quattro settimane dall’inizio del Ccmpionato di Serie C, la Trivianum viaggia ancora a zero punti in classifica, sfavorita senza dubbio dal calendario di inizio stagione che non ha concesso sconti, cedendo ai colpi di corazzate come Pallavolo Andria, Trelicium Supervolley e Atletico  Noicattaro. Si aggiunga pure la sfortuna di aver perso a metà strada il martello diciassettenne Dario Tisci, attaccante fondamentale per mister Giuseppe Dicillo, non più disponibile per infortunio.

Sappiamo di affrontare un campionato al di sopra delle nostre possibilità in termini di risultati –  ha concluso Pino Minafra – ma la missione del nostro club, oggi, è valorizzare il  vivaio. Pertanto guarderemo ad ogni gara come una opportunità  di gioco e di crescita per i nostri giovani. Già affiorano i primi margini di miglioramento, nonostante l’assenza importante del nuovo martello. Crediamo tutto sommato che nel nostro girone esistano squadre alla nostra portata. Quanto al match  contro Sei Sport, cercheremo di limitare i danni al minimo, visto che i  pronostici parlano chiarissimo”.

© Riproduzione riservata 05 Novembre 2011