aggiornato il 07/11/2011 alle 17:08 da

Sideout sconfitta dalla capolista Giovinazzo

CASTELLANA – pallavolo_genericaLa Sideout Castellana rimedia una sconfitta esterna sul campo della Libertas e Volley è vita Giovinazzo nella quarta giornata del campionato regionale serie C girone A di pallavolo maschile. Si tratta del terzo risultato negativo consecutivo per la compagine blu-arancio che cede 3a1 (25-18, 22-25, 25-22, 25-22) alla formazione che si conferma capolista imbattuta del torneo. “Abbiamo fatto il massimo possibile in questo momento, mettendo in difficoltà una squadra molto ben costruita ma pagando purtroppo le tante assenze di giornata”. Così commenta a fine gara Flavio Rinaldi, allenatore della Sideout Castellana.

Caputo, Polignano, Mordino e Iaia assenti: Sideout si presenta con Ragucci in regia e in diagonale con Mangini, Domenico Cisternino (all’esordio dalla prima battuta) e Rosini in banda, Loiacono e capitan Schettini al centro, Basile libero nella formazione titolare e con il neoacquisto Giovanni Ivone (tesserato a poche ore dall’inizio della gara) inizialmente solo in panchina, ma poi grande protagonista in campo. Dopo una difficile prima parte di gara, servita soprattutto da assestamento alle nuove situazioni di gioco di una formazione mai provata prima, Sideout ha vinto il secondo parziale prima di lottare nei due set conclusivi, largamente equilibrati ma persi nelle fasi finali.

“Giovinazzo si è dimostrata una squadra in grado di vincere questo campionato. Davvero forte e organizzata, in ogni sua componente – ha commentato Rinaldi – Devo dire, però, che noi abbiamo dimostrato di essere in crescita nonostante le tante assenze. Dopo il derby con Sei Sport temevo una gara senza mordente, invece abbiamo lottato in casa della prima della classe senza risparmiarci e cercando di sfruttare ogni risorsa possibile. In questo momento, però, purtroppo soffriamo eccessivamente la mancanza di alternative. Mercato? Abbiamo già allargato l’organico con l’arrivo di Ivone. Chissà che nelle prossime settimane non si possa ancora intervenire con qualche ulteriore correzione”.

© Riproduzione riservata 07 Novembre 2011