aggiornato il 21/11/2011 alle 11:19 da

Bcc Nep supera Reggio Emilia 3 a 0

CASTELLANA – bcc_nep_reggio_emiliaBcc Nep superiore agli avversari  in un match caratterizzato dalle assenze da una parte e dall’altra. Senza Falaschi, Rodriguez, Salgado e Cazzaniga la New Mater cetra il settimo successo consecutivo conservando la  seconda piazza a ridosso di Segrate in un match senza storia contro Reggio Emilia, anch’essa giunta in Puglia con importanti assenze.

La cronaca della partita è certamente più breve della lista degli indisponibili, ben sette da una parte e dall’altra, senza considerare la defezione contrattuale dello schiacciatore reggiano Rigoni annunciata in mattinata dalla società del Presidente Bertaccini.  Va da sé che Castellana Grotte forte di una rosa ampia e di grande qualità doma abbastanza facilmente un avversario che dovrà sudare sette camicie per togliersi dalle attuali e pericolose zone basse della classifica nonostante l’ingaggio delle ultime ore dell’ex Perugia Barbareschi.

Sono Torre e Maric a rilevare Falaschi e Rodriguez nella formazione di Di Pinto, il primo vittima di un attacco gastrointestinale al mattino e col campione spagnolo tenuto a riposo dopo una settimana di influenza. A loro si aggiungono le assenze di Salgado che deve risolvere i problemi agli addominali e Cazzaniga, anch’egli in panca come l’italo cubano, ma inutilizzabile per un problema alla spalla destra.  Hugo Conte allenatore ospite deve fare a meno anche di Inserra, infortunato e neanche partito con la squadra, oltre a Casadei ed Ippolito,ed è costretto a schierare il giovane Tondo al centro  dando fiducia a Bigarelli di banda in diagonale con Barbareschi, quest’ultimo con poche ore di allenamento insieme ai nuovi compagni.

I muri di Milushev e Giosa fanno subito capire che partita sarà, 5-1, altri due muri questa volta degli ospiti provano a scuotere l’inizio di primo set , 11-8, che però gira definitivamente e indiscutibilmente dalla parte pugliese con il turno di Milushev alla battuta; il gioco di Reggio Emilia diventa scontato ed il muro di Elia (Mvp del match) si fa sentire oltre all’ace proprio di Milushev, 18-9. Un ottimo Castellano ed ancora Milushev chiudono il set senza dare agli avversari alcuna possibilità di reazione, 25-13.

Nel secondo set la storia cambia solo in meglio per i padroni di casa aumentando le proprie percentuali d’attacco ; molto bene Maric che firma il 7-3 con muro e difesa gialloblù che fanno soffrire gli emiliani. Torre smista bene il gioco e Maric e Milushev picchiano duro, 19-13. I muri di Elia prima chiudono un altro break lungo pugliese, 24-14, e poi siglano il 2-0 dopo una timida reazione avversaria, 25-17.

Il terzo set vede a referto il primo vantaggio degli ospiti con Barbareschi, 6-8, vantaggio pareggiato dal muro a uno di MAric su Moreno. Il primo tempo di Elia ristabilisce le gerarchie, 15-14, due scambi prima del delizioso primo tocco di Torre, 16-15. I muri di Milushev ed Elia (nove punti in due nel fondamentale), staccano di fatto il biglietto da tre punti della partita, 23-19, certificati dal punto finale di Elia, 25-20.

Alberto Elia, Bcc Nep Castellana Grotte: “Era una vittoria obbligata per noi che serve per migliorare ancora le nostre fasi di gioco. Poteva essere un match insidioso proprio perché il pronostico appariva scontato, siano stati bravi a tenere il ritmo del gioco sopperendo alle assenze ed alle condizioni fisiche ancora non perfette con tutta la squadra. Il campionato è lungo e dobbiamo mettere la testa su una partita per volta, quindi da martedì pensiamo al Club Italia.”  

 

BCC-NEP CASTELLANA GROTTE – EDILESSE CONAD REGGIO EMILIA 3-0 (25-13, 25-17, 25-20)

BCC-NEP CASTELLANA GROTTE: Elia 10, Castellano 7, Torre 1, Milushev 17, Maric 12, Giosa 3, Cicola (L). Non entrati Cazzaniga, Ricciardello, Rinaldi, Salgado. All. Di Pinto.

EDILESSE CONAD REGGIO EMILIA: Luppi 11, Bigarelli 4, Barbareschi 10, Orduna, Tondo 8, Dall’olio, Goi, Moreno 5, Vecchi, Peli (L). All. Conte.

ARBITRI: Trevisan, Piluso. NOTE – Spettatori 1300, incasso 10000, durata set: 22′, 25′, 27′; tot: 74′.    

© Riproduzione riservata 21 Novembre 2011

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento