aggiornato il 10/05/2012 alle 7:58 da

Gara 3 dominata, Castellana Grotte di nuovo in vantaggio nella serie

CASTELLANA – DSC_3857Si riporta in vantaggio la Bcc Nep in questa semifinale playoff costringendo alla resa un Segrate quasi mai in partita e che ora dovrà assolutamente vincere in casa domenica prossima per allungare la serie

Gli uomini di Di Pinto sono sembrati molto carichi mentalmente ed è stata proprio questa la chiave del match insieme ad un super Cazzaniga ed a tutto l’attacco pugliese che ha chiuso al 58% contro il 37% degli ospiti.

LE FORMAZIONI

Stesso sei+uno per i locali della scorsa trasferta in Lombardia con Cazzaniga opposto a Falaschi, Salgado e Giosa centri, Rodriguez e Maric bande, Cicola libero. Eccheli invece sfrutta dall’inizio il rientro di Spairani in coppia con Alletti al centro, Baranek e Botto in quatto, Fabroni in diagonale con Van Den Dries con pesaresi settimo uomo.

LA PARTITA

Agli ordini degli ottimi Puletti e Piersanti, si comincia con due errori in attacco pugliese ed il cambio palla di Segrate , 2-5, arriva Rodriguez in battuta e la Mater riprende gli avversari; prima Salgado e poi Maric con in mezzo il muro di Cazzaniga brekkano il set, 7-6 e soprattutto carica a pallettoni i gialloblu che cominciano a giocare senza timore frenando col muro ed in difesa gli attacchi avversari. Cazzaniga firma il 16-12 seguito dall’ulteriore turno positivo in battuta di Rodriguez con cui la Mater allunga 22-15. Di contro la battuta di Segrate non incide e soprattutto l’attacco stenta parecchio costretta spesso a forzare i colpi;  é il contrattacco dello spagnolo su alzata dietro di Cicola a regalare il meritato vantaggio ai gialloblù, 25-18.

Secondo parziale caratterizzato da diversi errori da una parte e dall’altra; a cavallo della prima parte ben cinque errori consecutivi in battuta conducono al 9-8; Van Den Dries è l’unico a reagire in attacco ma il servizio micidiale di Cazzaniga fa di nuovo la differenza, 18-14, anche per l’errore di Botto.  Un paio di regali ed un ace trovato da Baranek fanno temere al caldo pubblico castellanese la rimonta, 22-21,  ma il cambio palla di Salgado e del solito Cazzaniga risolve il tutto, 25-23.

Lo stesso ex opposto di Crema riapre le ostilità nel terzo set, 2-0, poi sul punto del 3-1, Maric chiede il cambio per un risentimento al ginocchio sinistro. Al suo posto Castellano che, entarto a freddo diventa oggetto della battuta di Fabroni, 3-3, Il servizio lombardo sembra prendere vigore per la prima volta in partita con il vincente di Van Den Dries, 6-7, ma troppo determinata a portare a casa il risultato appare la New Mater che risponde con la pipe di Rodriguez, 9-8; uno straordinario flash a muro dello stesso spagnolo su Botto, 13-10, inidirizza la partita verso gli stessi binari dei precedenti set. La sospensione chiesta da Eccheli serve a poco perchè il muro gialloblù fa la voce grossa.  Sono tre consecutvi di Castellano, Cazzaniga e Giosa a far esplodere la gioia del del Pala Grotte, 21-13, e segna la fine di gara 3, sottoscritta dal bel blockout di Castellano per l’inequivocabile 25-15.

Si torna dunque in Lombardia per gara 4 domenica prossima e la Bcc Nep è pronta a giocarsi il suo primo match ball con lo status mentale completamente ribaltato rispetto a seconda partita di semifinale.

© Riproduzione riservata 10 Maggio 2012