aggiornato il 12/06/2015 alle 9:30 da

Muore mentre tenta la procreazione assistita, due medici indagati e task force del Ministero allo Jaia

ospedaleCONVERSANO – Due medici nel registro degli indagati per la morte della 38enne di Bitritto, Arianna Acrivoulis, che, mercoledì mattina, stava seguendo le procedure legate alla procreazione assissita nel centro specializzato dell’ospedale “Florenzo Jaia”. Per loro l’ipotesi di accusa di cooperazione in omicidio colposo. Il pm di turno del tribunale di Bari, Luciana Silvestris, ha inviato gli avvisi di garanzia e disposto l’autopsia che dovrà accertare le cause del decesso e ricostruire il protocollo seguito dai medici. Con tutta probabilità, l’esame autoptico sarà compiuto la prossima settimana. Intanto, il ministro della salute, Beatrice Lorenzin, ha inviato all’ospedale Jaia una task force di esperti che dovrà fare luce sull’accaduto. Il gruppo di lavoro è composto da dirigenti della direzione programmazione del ministero, da carabinieri del Nas, da dirigenti ed esperti di Agenas e da rappresentanti delle Regioni. Una prima relazione sull’accaduto dovrà pervenire al ministro e all’unità permanente di crisi del ministero entro le prossime 48 ore.

© Riproduzione riservata 12 Giugno 2015