aggiornato il 27/05/2021 alle 15:32 da

Rocco Panarelli torna in carcere

CONVERSANO – Rocco Panarelli, ex sorvegliato speciale e figura di punta della criminalità locale, è tornato in carcere nelle ultime ore grazie a un blitz dei carabinieri della stazione di Castellana-Grotte, che – a conclusione di un servizio finalizzato al contrasto di spaccio di stupefacenti – hanno tratto in arresto in flagranza il 51 enne di Conversano, il quale occultava, all’interno di un terreno agricolo di sua proprietà, non solo stupefacente ma anche armi e munizioni. L’operazione è scattata alle prime luci dell’alba, quando i militari hanno cinturato un esteso campo che l’indagato aveva provveduto a proteggere con recinzione e cani da guardia e dove, già da alcuni giorni, erano stati segnalati movimenti. La perquisizione, svolta con l’ausilio di unità di rinforzo della Compagnia di Monopoli, ha consentito di rinvenire, dopo prolungate ricerche, due fucili a canne mozze, occultati sotto una nicchia ricavata all’interno di un muro in cemento, entrambi provento di furto occorso 3 anni prima in provincia di Taranto. Le armi (un fucile cal. 12 e un semiautomatico dello stesso calibro), in ottimo stato di conservazione, erano entrambe armate con due cartucce e pronte a fare fuoco. Nello stesso nascondiglio i militari hanno recuperato anche una scatola contenente 50 proiettili cal. 9×21 e 7,65, un caricatore per pistola contenente 12 proiettili cal. 9×18, nonché 2 kg di hashish suddivisi in panetti. Le operazioni si estendevano anche all’interno della roulotte utilizzata dall’uomo per dormire, al cui interno veniva rinvenuta una pistola modificata, priva di matricola, con colpo in canna e un caricatore contenente 7 colpi cal. 9×18. Accanto alla pistola erano altresì custoditi 16 gr. di cocaina, 6 di marijuana e un bilancino di precisione. Al termine dell’attività l’uomo è stato tratto in arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio, detenzione abusiva di armi, munizioni e ricettazione e tradotto presso il carcere di Bari. Le armi e gli stupefacenti, invece, verranno inviati nei laboratori per analisi ed accertamenti balistici. 

© Riproduzione riservata 27 Maggio 2021

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *
Nome
Email *
Sito web