aggiornato il 04/06/2012 alle 8:00 da

Don Angelo torna a celebrare messa [fotogallery]

CONVERSANO – Aggiornamento del 4/6/2012, ore 9.30
 Ci tiene a perdonare il suo investitore e a ringraziare tutti coloro che si sono stretti attorno a lui, don Angelo Fanelli nella prima messa celebrata, dopo l’incidente, ieri pomeriggio alle 18,30 nella chiesa di San Rocco. Commosso e visibilmente spossato don Angelo lancia così un messaggio a tutti i fedeli che si erano preoccupati per la sua salute e che nei giorni di convalescenza ha sentito vicini nella preghiera. Tanta gente ha riempito la chiesetta per stringersi in un sentito abbraccio attorno a questo sacerdote tanto amato in città.
Aggiornamento del 2/6/2012, ore 13
 Sembrano essere giunte ad un punto di svolta le indagini dei carabinieri della stazione di Conversano in merito al sinistro stradale di cui è rimasto vittima, martedì scorso, don Angelo Fanelli, investito nei pressi della chiesetta di San Rocco. I militari della caserma di via Benedetto Croce, infatti, hanno individuato il pirata della strada che, dopo aver travolto il direttore dell’Archivio Storico Diocesano, è fuggito facendo perdere le proprie tracce. Secondo alcune indiscrezioni, si tratta di un commerciante, non residente a Conversano, smascherato grazie alle immagini registrate dai sistemi di telecamere a circuito chiuso, alle dichiarazioni dinumerosi testimoni e alle tante segnalazioni giunte presso la locale caserma dei carabinieri.
Aggiornamento del 1/6/2012, ore 12 
Continuano a migliorare le condizioni di don Angelo Fanelli, il sacerdote conversanese investito martedì scorso in via Bari da un’auto pirata mentre attraversava la strada. Potrebbe, infatti, essere dimesso nelle prossime ore dal nosocomio di Brindisi dove è stato trasportato dopo il sinistro. Niente di nuovo, invece, per quanto riguarda le ricerche dell’investitore che si è dileguato senza prestare soccorso al direttore dell’Archivio Storico Diocesano.
Aggiornamento del 31/05/2012, ore 12
Resta ancora senza un nome il pirata della strada che martedì, nel tardo pomeriggio, ha investito don Angelo Fanelli su via Bari, nei pressi della chiesa di San Rocco, per poi dileguarsi velocemente senza prestare soccorso.
Frenetiche le ricerche da parte dei carabinieri, che però fino ad ora non hanno portato a nulla di concreto.
Una mano agli investigatori potrebbero darla le telecamere di sorveglianza delle attività commerciali della zona, in particolare quelle posizionate proprio su via Bari.
Le immagini, già visionate dalle forze dell’ordine, confermerebbero la versione dei testimoni e cioè che ad investire il sacerdote sia stato un furgoncino di colore arancione.
Il mezzo viaggiava in direzione di Rutigliano e avrebbe svoltato sulla destra all’altezza del tabacchino di via Bari. Per questo motivo, nelle prime ore, le ricerche si erano concentrate sulla litoranea adriatica. Ma a questo punto non si può escludere più nulla.
Chiunque avesse informazioni è pregato di contattare le autorità.
Nuovi aggiornamenti su questo sito nelle prossime ore.
Per maggiori dettagli sull’incidente, le indagini e le testimonianze, vi ricordiamo l’appuntamento in edicola con Fax Settimanale.
Aggiornamento del 30/05/2012, ore 18
Restano stabili le condizioni di don Angelo Fanelli, il sacerdote investito ieri pomeriggio mentre ignaro attraversava via Bari sulle strisce pedonali.
Il direttore dell’Archivio Storico Diocesano è tuttora in osservazione presso l’ospedale di Brindisi.
In città continua a tenere con il fiato sospeso la ricerca del responsabile, che carabinieri  e vigili urbani stanno conducendo in maniera congiunta. Attualmente i militari stanno visionando le immagini delle telecamere a circuito chiuso presenti sulla zona dell’incidente.
Smentite le voci secondo cui sarebbe già stata identificato il numero di targa del furgoncino arancione che secondo alcuni testimoni ha travolto don Angelo, senza fermarsi a prestare soccorso.
Aggiornamento del 30/05/2012, ore 9
 Le gravi condizioni di salute hanno indotto i sanitari dell’ospedale San Giacomo di Monopoli, dove don Angelo Fanelli era stato trasportato subito dopo essere stato investito da un furgone pirata sulle strisce pedonali in via Bari, davanti alla chiesa di San Rocco, all’immediato trasferimento presso il reparto chirurgia maxillo facciale di Brindisi.
La dinamica del sinistro, invece, resta al vaglio delle forze dell’ordine, che stanno tentando di ricostruirla servendosi anche delle telecamere istallate nelle vicinanze.
Aggiornamento del 29/05/2012, ore 19
Alle 18,30, in via Bari, nei pressi della chiesa di San Rocco, è stato investito don Angelo Fanelli. Il sacerdote aveva appena finito di celebrare la messa serale nella vicina chiesa e si accingeva ad andare in curia quando, sulle strisce pedonali, è stato travolto da un pirata della strada.
Secondo alcuni testimoni ad investirlo sarebbe stato un furgone arancione, scappato senza prestare soccorso. Don Angelo è stato immediatamente soccorso da passanti ed automobilisti.
Sul posto sono giunti metronotte, vigili urbani e ambulanza del 118, che ha trasportato il direttore dell’archivio diocesano presso l’ospedale San Giacomo di Monopoli.
Don_Angelo_0Don_Angelo_Fanelli_1Don_Angelo_Fanelli_2Don_Angelo_Fanelli_3Don_Angelo_Fanelli_4Don_Angelo_Fanelli_5Don_Angelo_Fanelli_6Don_Angelo_Fanelli_7

© Riproduzione riservata 04 Giugno 2012