aggiornato il 13/02/2014 alle 5:04 da

I numeri dell’operazione

controlli cc-conversanoCONVERSANO – Aggiornamento ore 12.35: Quaranta carabinieri e due unità cinofile antiesplosivi e antidroga, coordinati dal capitano della compagnia di Monopoli, Campione, dal comandante del nucleo operativo e radiomobile, Vergine, e dal comandante della locale stazione, Spinelli, oltre all’unità area del comando provinciale di Bari sono stati impiegati nell’operazione straordinaria di questa notte. Dieci le perquisizioni domiciliari effettuate, cinque quelle personali, diciotto i controlli di arrestati e sorvegliati domiciliari, dieci le contravvenzioni per violazioni al Codice della strada comminate, ottanta i veicoli controllati, centottanta le persone e quattro gli esercizi commerciali controllati, una persona denunciata per possesso di stupefacente: questi i numeri del servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato a prevenire e reprimere la commissione di reati in genere e garantire più sicurezza ai cittadini.

13/02 ore 6.05: Tanto tuonò che piovve. Stanotte l’intero paese è finito sotto assedio con carabinieri che spuntavano da ogni stradina. Per lo spiegamento di forze messe in campo e le proporzioni dell’operazione ancora in atto a Conversano deve essere accaduto qualcosa di grosso. Qualcosa che ha rinverdito i “fasti nefasti” del periodo d’oro del contrabbando. Parlare oggi è superfluo ma è evidente che l’allarme criminalità lanciato da Fax in tempi non sospetti non era altro che una lettura logica, attenta ed imparziale di quanto covava sotto la cenere del paese. Il blitz scattato stanotte da parte degli uomini della Benemerita e del quale ancora non si conoscono né gli obiettivi e tanto meno la portata, comunque conferma che a Conversano c’è qualcosa che non va; che ci sono evidentemente delle frange criminali alle quali occorre far abbassare la testa per il bene e la sicurezza dei cittadini e della stessa economia conversanese.

130214130214-2

© Riproduzione riservata 13 Febbraio 2014