aggiornato il 06/09/2012 alle 14:48 da

L’UDC messo fuori dalla coalizione di centrosinistra

conferenza-stampa-coalizione-centrosinistraCONVERSANO – Ieri, l’Alleanza per l’Italia, i Moderati e Popolari, il Partito Democratico e il Partito Socialista Italiano, hanno deciso, concordemente e unitariamente, di rinunciare irrevocabilmente a perseguire l’accordo di coalizione con il partito dell’UDC. Lo rendono noto i segretari politici Vito Notarnicola, Lorenzo Abbruzzi, Rino Ranieri e Cesare Preti attraverso un comunicato stampa in cui spiegano che “tale decisione è scaturita a seguito del comportamento tenuto dall’UDC stessa nell’incontro svoltosi in data 3 settembre che, con un atto di vero inquinamento politico e irriguardoso di qualsiasi buon senso, ha presentato la candidatura per le eventuali primarie della coalizione di Centro-Sinistra, del sig. Domenico D’Attoma, celando che lo stesso è tesserato con il PDL ed ha partecipato con continuità alle attività interne di tale partito di Centro-Destra. Alleanza per l’Italia, i Moderati e Popolari, il Partito Democratico e il Partito Socialista Italiano ribadiscono di essere un gruppo di forze politiche progressiste e moderate impegnate nel tentativo di formare un’ampia coalizione di Centro-Sinistra che possa assicurare a Conversano un programma ed una azione di governo chiari, trasparenti e lineari. Ribadiscono, inoltre, di essere alternative nei metodi, nei comportamenti e nei rapporti, anche di carattere personale, dei propri aderenti, nonché nella piena sostanza delle loro azioni, ai partiti ed alle forze dell’attuale governo di Centro-Destra della Città. Alleanza per l’Italia, i Moderati e Popolari, il Partito Democratico e il Partito Socialista Italiano, dichiarano di voler proseguire nel tentativo di realizzare una coalizione di Centro-Sinistra e di allargarla a tutte le forze, ai movimenti associativi, alle donne e agli uomini che si riconoscano pienamente nei principi posti alla base dell’attuale coalizione”.

© Riproduzione riservata 06 Settembre 2012