aggiornato il 21/11/2011 alle 9:33 da

Fruttattiva batte Melito, capitan Rotondo protagonista

CONVERSANO – Fruttattiva_contro_melitoÈ giunta dopo ben nove partite la vittoria per la Fruttattiva C5 che, sabato pomeriggio presso il palazzetto Pineta, ha battuto il Futsal Melito. I ragazzi di mister Matteo Del Re hanno sfoderato la classica prestazione perfetta, presentandosi in campo concentrati sin dal riscaldamento, vogliosi di portare a casa l’intera posta in palio. La partenza degli arancioverdi è come da tradizione veemente. Dopo appena 41″ capitan Rotondo buca il portiere avversario Manti per la rete che porta in vantaggio i padroni di casa. Una doccia fredda per il Melito che poco dopo, prima rischia di capitolare ancora sulla sassata di Tres che si infrange sulla traversa, e poi subisce il gol del 2-0, realizzato dal solito Rotondo. Gli ospiti sembrano tramortiti. Sull’asse Domestico-Rotondo la Fruttattiva costruisce la rete del 3-0, prima del gol del calabrese Alampi. A questo punto sui conversanesi aleggia il fantasma di un film già visto, ovvero le diverse rimonte subite in casa in questa stagione. Ma questa volta i padroni di casa stravolgono il copione e ancora con Rotondo fanno capire agli avversari le proprie intenzioni. E’ la rete del 4-1 con cui si va al riposo. La ripresa si apre con il gol di mister Del Re che di fatto chiude la partita. Poi ci pensa Di Vagno a mettere in ghiaccio la partita con le parate che spengono sul nascere le velleità di rimonta dei calabresi. Il resto è pura accademia per la Fruttattiva che va ancora a segno per altre tre volte con Andrea Rotondo, che colpisce anche una traversa con un destro al volo che avrebbe fatto venire giù l’intero palazzetto in caso di gol, e con Domestico. Per il Melito c’è spazio solo per la seconda realizzazione personale di Alampi che fissa il punteggio sul 9-2. Per la Fruttattiva tre punti meritati dopo settimane di bocconi amari. Ciò che più conforta, tuttavia, è la mentalità mostrata dai ragazzi di Del Re, apparsi uniti, compatti e con quella propensione al sacrificio che da qui in avanti sarà fondamentale portare avanti l’operazione “rimonta”.

© Riproduzione riservata 21 Novembre 2011