aggiornato il 27/11/2011 alle 11:51 da

Il derby del calcio a 5 finisce in pareggio

azzurrifruttattiva_Applausi_fine_gara

 

 

 

 

 

 

 

 

CONVERSANO – La prima stracittadina della storia del calcio a 5 conversanese si chiude in pareggio, con Fruttattiva e Azzurri che disputano una gara avvincente ed emozionante, giocata davanti al pubblico delle grandi occasioni che non ha resistito al richiamo del derby. Chi può recriminare maggiormente per il risultato sono gli Azzurri di Francesco Masi che hanno avuto in pugno la partita fino a quarantacinque secondi dalla fine, quando un pasticcio difensivo ha permesso ad Andrea Rotondo, il gol dell’ex, di fissare il punteggio sul 2-2. Bravi i ragazzi di mister Matteo Del Re a crederci fino alla fine nonostante il doppio svantaggio e a portare a casa il secondo risultato utile consecutivo che permette di raggiungere il Sammichele a quota quattro punti in classifica. La gara si apre con la consegna di una targa da parte del tecnico degli Azzurri, Francesco Masi, al capitano aiacino Andrea Rotondo, simbolo dello sport conversanese, oltre che grande ex della partita, e con il minuto di raccoglimento in memoria delle vittime dell’alluvione. La prima conclusione è dell’aiacino Domestico, gli risponde Chiarella che scalda le mani di un Di Vagno assolutamente in giornata. Con il passare dei minuti gli Azzurri guadagnano campo e lo stesso Di Vagno deve superarsi in più di un’occasione per mantenere il risultato in equilibrio. A metà tempo si infiamma il match: due brutti falli di Rotondo e Dal Cin, puniti entrambi con un cartellino giallo. Molto bravi gli arbitri a tenere in pugno la partita nei rari frangenti di nervosismo. Al 12′ Azzurri ancora una volta vicini alla rete: Soares scippa il pallone a Edu, mette in movimento Sciannamblo che però, da posizione defilata, scarica a lato il sinistro. L’Aiace si fa vivo al 14′ costringendo Dal Cin al doppio intervento. Negli ultimi minuti della frazione, dopo un paio di occasioni sprecate, passano i padroni di casa con Marcio Belleboni bravo a sfruttare un assist di Chiarella. Al riposo si va così sul parziale di 1-0 in favore dei ragazzi di Masi, con gli ospiti che recriminano per un dubbio fallo subito e non fischiato, da Edu ad una manciata di secondi dal suono della sirena, che avrebbe consentito a Rotondo di presentarsi sul dischetto del tiro libero. Nella ripresa la traversa strozza sul nascere l’urlo di gioia dell’ex Fabrizio Sciannamblo la cui conclusione al volo di destro si stampa sul montante. È il preludio al gol del raddoppio azzurro che giunge sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto sul fronte destro del campo e ribadita in rete da una sassata di Chiarella. La reazione della Fruttattiva, però, è immediata. Edu ruba palla in difesa, dopo un impeccabile intervento in scivolata, puntando dritto verso la porta avversaria, ma giunto al limite dell’area viene sgambettato da dietro da Belleboni. Per l’arbitro è punizione della cui esecuzione si incarica Tres che con una rasoiata di destro buca Dalcin per il gol del momentaneo 2-1. A questo punto i ragazzi di Del Re ci credono. Di Vagno lancia in contropiede Andrea Rotondo il quale, però, pecca di precisione. Ma il più pericoloso in casa arancio verde è Domestico che prima viene murato da Dalcin e poi colpisce una clamorosa traversa a porta quasi sguarnita, dopo un’azione personale di Tres sul versante di destra. Il forcing aiacino porta la retroguardia guidata da Di Vagno a concedere troppi spazi alle azioni degli Azzurri che con Badin, bravo a scartare anche il portiere, meno nell’inquadrare lo specchio della porta, vanno ad un passo dal mettere in ghiaccio la partita. Nel finale Del Re rischia la carta del portiere in movimento gettando nella mischia Guglielmi che, appena entrato, salva il risultato con una parata di tacco. Ma la svolta arriva a quaranta secondi dalla fine quando gli Azzurri pasticciano in difesa, Domestico ruba palla, servendo a Rotondo un cioccolatino da spingere in rete. Il bomber conversanese non se lo fa ripetere due volte e, dopo essersi portato il pallone sul destro, supera Dalcin.

© Riproduzione riservata 27 Novembre 2011