aggiornato il 20/10/2011 alle 12:25 da

Legalità e mondo del lavoro, il viaggio della scuola Carano

viaggio_nel_mondo_del_lavoro_gioiascuola_media_carano_viaggio_nel_caporalato_3

GIOIA – Riceviamo e pubblichiamo l’interessante resoconto del viaggio didattico, intrapreso dalle classi terze della scuola media Carano di Gioia del Colle, nella provincia di Foggia. L’uscita rientra in un progetto di legalità e mondo del lavoro condotto dagli studenti insieme ai loro docenti. Una particolare riflessione è fatta sul fenomeno del caporalato.

Noi, alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di 1° grado “E. Carano”, iscritti al PON “Legalità nel mondo del lavoro”, proposto dal prof. Giorgio Gasparre, il giorno 11 ottobre 2011 abbiamo preso parte ad un’uscita didattica guidati dal professore e da Nicola Romanelli, in qualità di rappresentante dell’associazione “Libera”. Mentre ci recavamo a Orta Nova, ci siamo fermati al centro profughi “Borgo Mezzanone”, ma per poterlo visitare serviva un’autorizzazione ministeriale ,quindi abbiamo proseguito e siamo giunti a Orta Nova, paese in provincia di Foggia, povero dal punto di vista economico e abitato soprattutto da immigrati, che qui rappresentano la maggior parte della forza lavoro. Abbiamo visitato queste terre per documentarci sul fenomeno del caporalato in Puglia. A Orta Nova abbiamo incontrato gli alunni della classe 3a sez. E della Scuola Secondaria di 1° grado “Sandro Pertini”; i ragazzi hanno esposto i dati della ricerca sul caporalato nella loro terra e ci hanno confessato anche che, prima di effettuare questa attività non erano a conoscenza di quello che succedeva nel loro paese e che hanno scoperto la gravità del fenomeno grazie ai contatti con la nostra scuola; hanno letto poi un articolo di un giornale locale riguardante il caporalato e noi abbiamo esposto le notizie e i dati che avevamo raccolto in precedenza in merito alla questione. Il confronto si è rivelato molto interessante. Infine abbiamo visitato i paesi di Stornara e Stornarella. Quando i cittadini ci fermavano, chiedendoci cosa stavamo visitando, il prof. Gasparre rispondeva che stavamo visitando “il nulla”, era pericoloso pronunciare la parola “caporalato”. Lungo il percorso abbiamo anche potuto vedere distese sterminate di campi coltivati in cui lavoravano alla raccolta dei sedani esclusivamente persone di colore. Questa esperienza e gli incontri precedenti ci hanno permesso di approfondire  tutto quello che riguarda il mondo del lavoro in Italia ed in particolare nella nostra regione. Purtroppo abbiamo appreso che ci sono individui che vengono sfruttati, che sono privi di garanzie e diritti, che vivono una vita molto diversa da quella che avevano immaginato, partendo da terre lontane per raggiungere il nostro paese, dove avrebbero voluto realizzare un sogno di vera libertà. È ora che tutti sappiano!

Gli alunni

scuola_media_carano_viaggio_nel_caporalato_1scuola_media_carano_viaggio_nel_caporalato_2

© Riproduzione riservata 20 Ottobre 2011