aggiornato il 03/02/2012 alle 19:14 da

Lo Stato chiude l’ufficio del giudice di pace

GIOIA – giudice_di_pace2La notizia tanto temuta è arrivata. Pochi giorni fa è stata infatti ufficializzata la soppressione degli uffici dei Giudici di Pace, ben 681 in tutta Italia, destinati in breve tempo, a una serie di accorpamenti nelle rispettive sedi “centrali”. Tra questi vi è anche l’ufficio di Gioia del Colle,  che sarà accorpato alla sede di Bari. Sarà quest’ultima, quindi ad occuparsi di piccole beghe condominiali; cause scaturite dall’inosservanza di regolamenti riguardanti il piantamento degli alberi e delle siepi;  da rapporti tra proprietari o detentori di immobili adibiti ad abitazione civile in materia di immissioni di fumo o di calore, esalazioni, rumori, scuotimenti e simili propagazioni che superino la normale tollerabilità.

La scelta delle sedi da accorpare è stata fatta dai tecnici ministeriali, tramite rilievi statistici basati sui carichi di lavoro dei singoli uffici. Una decisione maturata dal Governo per ridare ossigeno alle casse erariali (previsto un recupero di circa 28 milioni di euro), riutilizzando al tempo stesso una considerevole quantità di risorse umane (1.944 magistrati onorari e 2.105 unità di personale) per rimpinguare le sedi giudiziarie caratterizzate da perenni carenze d’organico.

Ma cosa ne pensano gli addetti ai lavori? Tutti i dettagli in edicola con il settimanale FAX.

© Riproduzione riservata 03 Febbraio 2012