aggiornato il 17/02/2012 alle 14:47 da

Paradiso, chiude anche il laboratorio analisi?

GIOIA – ospedale_apertura_prima_3Ospedale: si va verso la riduzione delle attività anche per il laboratorio analisi? Nei giorni scorsi è infatti emersa una proposta di delibera del dipartimento patologie cliniche della Asl, volta alla riorganizzazione del lavoro dei laboratori analisi. Secondo quanto contenuto nel documento a Gioia potrebbe toccare di diventare un semplice centro prelievi. Con la conseguente riduzione del personale operativo ma soprattutto con i conseguenti disagi per i cittadini. Ma è comunque una storia che si ripete ormai come un disco rotto da anni. Una situazione che però si sta cercando di affrontare, per quanto possibile, nel migliore dei modi per i cittadini. Per evitare che siano loro a subire le più gravi conseguenze di questo disegno di depotenziamento del “Paradiso”. E in ragione di ciò come promesso il commissario prefettizio ha incontrato il direttore di distretto Lucia Laddaga. Alla riunione hanno anche partecipato l’associazione Cittadinanza attiva, il Tribunale del malato, l’Osservatorio e Isacco Isdraele che lavorandoci, conosce bene la situazione della struttura. Alla dottoressa Laddaga è toccato prima ascoltare le parti in causa per comprendere meglio il quadro della situazione, che quasi certamente lei conosce comunque alla perfezione. Ma non dal punto di vista dei gioiesi. il punto di partenza è stato il piano di riordino. Quel piano che ha previsto trentadue posti letto per Gioia a fronte dei venti attualmente attivi. Primo nodo da sciogliere: il perché non si riescano ad attivare gli altri dodici posti letto. Di questo sarà presto interrogato il direttore dello stesso stabilimento, Domenico Labbate. Il Commisario accompagnato da una delegazione delle associazioni sorte a difesa dell’Ospedale, lo incontrerà nei prossimi giorni. Poi ci sarà un ulteriore passaggio: l’incontro con l’assessore regionale alla sanità. Da lui Gioia vuole conoscere gli intendimenti per il futuro. Se casa della salute sarà: con quali sacrifici e con quali nuovi servizi?

© Riproduzione riservata 17 Febbraio 2012