aggiornato il 25/05/2012 alle 8:48 da

Ex Arena, si tolgono i sigilli

GIOIA – IMGP5863Tolti i sigilli al cantiere dell’ex Arena. Si torna a lavorare alacremente cercando di recuperare il tempo perso. Mercoledì scorso il tribunale del riesame di Bari ha notificato l’ordinanza di dissequestro dell’area alla Tecnocostruzioni Srl. Lo scorso 23 marzo infatti il pm barese Renato Nitti aveva disposto il blocco dei lavori per presunti profili di illegittimità in alcune opere del cantiere. Immediato è stato il ricorso rispetto a tale decisione, proposto dagli avvocati dell’impresa. Si sono però dovuto attendere ben  cinquanta giorni per la trasmissione della pratica al tribunale del riesame che ha affrontato e discusso la vicenda lo scorso giovedì per conto dei Castellano ex proprietari dell’area e del direttore dei lavori. Mercoledì finalmente la notifica del dispositivo mentre si attende ancora di conoscere le motivazioni che hanno indotto il tribunale del riesame a rivedere la precedente disposizione emessa dal Pm Nitti, disposizione che è costata settimane di stop all’impresa. A quanto pare immotivate. E all’esito di questa verifica non è escluso che la Tecnocostruzioni si riserverà ogni azione di rivalsa per i danni subito a seguito non di uno ma di ben due sequestri del cantiere, essendo quindi l’unica ad essere stata danneggiata dalla vicenda. “Ci riserviamo di leggere le motivazioni – fanno sapere gli avvocati Fabrizio Lofoco e Giovanni Paolo Castellaneta –  riteniamo che il tribunale abbia colto nel segno e recepito i motivi di infondatezza della misura di sequestro che a nostro parere era infondata sia sotto il profilo procedurale che sostanziale”.

© Riproduzione riservata 25 Maggio 2012