aggiornato il 09/12/2011 alle 14:56 da

Scarico illecito di oli esausti, sigilli al deposito dei bus

 

GIOIA – Finisce sottosequestro il deposito di una nota società di autolinee gioiese, impegnata nel servizio di trasporto pubblico fra la nostra città e la provincia di Taranto. I sigilli sono scattati alcuni giorni fa al termine di una operazione condotta dai carabinieri della Compagnia di Gioia del Colle in collaborazione con i militari del Noe (Nucleo Operativo Ecologico).
I controlli dei militari hanno infatti riscontrato all’interno dell’area, una superficie di circa 120 metri utilizzata per parcheggio, lavaggio e manutenzione degli autobus di proprietà dell’azienda, la realizzazione di un deposito incontrollato di rifiuti speciali, anche piuttosto pericolosi. Infatti in loco gli operanti hanno accertato la presenza di versamenti sul terreno di olii esausti con potenziale contaminazione del suolo e delle falde acquifere con pregiudizio della salute pubblica. Questo anche grazie alla realizzazione, senza alcuna autorizzazione, di due cisterne di venti metri quadri utilizzate per lo sversamento ed il deposito di materiali. 
Due le persone denuciate. Dovranno difendersi dall’accusa di gestione illecita di rifiuti e scarico di reflui non autorizzato. I due dovranno inoltre rispondere del reato di violazioni in materia di edilizia.
All’azienda è stata concessa la possibilità di continuare ad effettuare il servizio, ma i responsabili dovranno a breve procedere alla messa in sicurezza del terreno al fine di evitare ulteriori più gravi conseguenze per l’ambiente.
L’attività si inserisce in una serie di controlli finalizzati alla tutela della salute dei lavoratori di quel settore in collaborazione le federazioni sindacali per il ripristino della legalità in materia ambientale.
IMGP07152

 

© Riproduzione riservata 09 Dicembre 2011