aggiornato il 03/02/2012 alle 15:09 da

“Il mio viaggio nel sud è iniziato da Gioia”

GIOIA – Fiorella_MannoiaLa sua ultima e attesissima fatica discografica s’intitola Sud ma c’è soprattutto un particolare richiamo al nostro paese, Gioia del Colle, che non può che renderci tutti orgogliosi. Fiorella Mannoia, tra le più apprezzate cantautrici del panorama musicale italiano, ammette di essersi ispirata a un libro dello scrittore gioiese Pino Aprile per la realizzazione del suo nuovo disco. Fax l’ha incontrata la settimana scorsa, in occasione della presentazione romana dell’album e ne haapprofittato per farsi raccontare qualcosa di più di questo irresistibile accostamento. “E’ stato proprio il libro dello scrittore Pino Aprile, Terroni, a darmi la giusta spinta per realizzare questo nuovo disco che, a partire già dal nome, è dedicato al Sud – racconta la rossa musicista a Fax, aggiungendo – Naturalmente, partendo dal Sud della nostra penisola poi mi sono estesa al mondo intero. Nel mio piccolo, ho cercato di metterci tutto quanto lo caratterizza: dai colori ai sapori sino alle ingiustizie e a tutto ciò che lo rende così unico”. E quando le si chiede della Puglia e se un giorno non troppo lontano le piacerebbe venire a suonare nella nostra Gioia del Colle, l’interprete di “Caffè nero bollente” non ha dubbi: “Volentieri. Al sud c’è un calore talmente coinvolgente e quando mi è capitato di esibirmi dalle vostre parti ho sempre raccolto un ottimo riscontro, ottenendo grandi soddisfazioni, grazie a un pubblico che mi ha fatto provare delle straordinarie emozioni”.E tra un’anteprima di un brano e l’altra, la cinquantasettenne artista romana coglie l’occasione per mandare un saluto ai lettori di Fax. In attesa di un bel concerto nel nostro paese.

© Riproduzione riservata 03 Febbraio 2012