aggiornato il 31/03/2012 alle 10:45 da

Magna Grecia Awards; premi, ospiti, e tante emozioni [FOTO]

IMG_3804GIOIA – Una serata ricca di ospiti, riconoscimenti e di emozioni: la cerimonia dei “Magna Grecia Awards”, svoltasi venerdì 30 Marzo presso il teatro “Rossini”, ha rispettato pienamente la linea guida , “Solo l’amore”, scelta per quest’anno. Ideata da Fabio Salvatore, la manifestazione premia il talento di uomini che, in svariate forme, contribuiscono a migliorare i percorsi della conoscenza e del sapere. Sul palco, per dare il via all’evento, Fabio Salvatore e Filippo Neviani, in arte Nek, scelto come presidente onorario. “Ho accettato questa nomina– racconta Nek- perché apprezzo i valori della manifestazione e il fatto che mostri l’immagine reale e umana che c’è dietro ogni personaggio famoso”. Si comincia con le premiazioni, gli ospiti e, soprattutto, le loro storie personali. Un viaggio dietro la fama, per capire quanta umanità, sofferenza e coraggio, vi sia oltre l’apparenza. Il primo a ricevere la stella di cristallo è  Dario Cirrone. Al presidente ed ideatore dell’A.N.S.A.B.B.I.O. è stato assegnato il “Magna Grecia Awards Spes”, per l’amore sincero e profondo nei confronti dell’infanzia più sofferta. Si prosegue con Carlo Vulpio, a cui va il premio “Koiné”, per la scelta consapevole di aderire, attraverso il racconto giornalistico, ai principi di libertà e giustizia. Vulpio ricorda, con lucidità e chiarezza, la situazione di Taranto, che “per via delle emissioni industriali è il territorio più inquinato d’Europa”. Spigliata e simpatica Catena Fiorello, apprezzata autrice di “Casca il mondo, casca la terra”: “il perdono è una cosa inesistente fino a quando non arriva a bussare alla nostra porta”. Catena ha ottenuto la menzione speciale “Livio Andronico” in quanto empatica testimone dell’oscurità e della bellezza dell’animo umano. La parola, poi, a Roberto Milone, vincitore del premio “Krònos”: “Io non credo– ha affermato il vicedirettore di Rai Due- che esistano notizie buone o cattive, ma vere”. Altro giornalista sul palco, per il premio “Clio”, Savino Zaba, conduttore di “Uno mattina- storie vere”: “fin da bambino sognavo di poter fare quello che ora è il mio lavoro” ha dichiarato. Ovazione per Dolcenera, che si è aggiudicata la menzione speciale “Giovanni Paisiello”, traducendo in canto la forza dei sentimenti. La cantautrice ha emozionato il Rossini con una splendida versione al pianoforte del brano sanremese “Ci vediamo a casa” e “L’amore è un gioco”. Un’altra presenza femminile è quella di Giorgia Wurth, attrice multiforme di ruoli intensi. Il premio “Agorà” spetta ad Alessio Vinci, conduttore di Matrix: “Non ho la pretesa di raccontare  la verità, cerco di farmi interprete, in modo onesto, di quello che vedo”. Gli ultimi riconoscimenti, solo per  ordine di apparizione sul palco, sono la menzione speciale “Rodolfo Valentino- città di Castellaneta” al regista Alessandro D’Alatri e il sentito “Magna Grecia Awards Eccellenza- Franco Salvatore” attribuito a Don Davide Banzato, giovane prete, capace “di tradurre Dio nelle piccole cose”. La 15° edizione dei “Magna Grecia Awards”, voluta fortemente a Gioia dalla Provincia di Bari, ha rappresentato una festa che della cultura e dei valori e si é conclusa fra gli applausi del pubblico.

© Riproduzione riservata 31 Marzo 2012