aggiornato il 16/12/2011 alle 18:30 da

Amministrative: sarà una corsa a tre?

GIOIA – Nicola Savino tra i papabili candidati alla guida di Gioia? Il nome è trapelato negli ultimi giorni e se la notizia fosse confermata si affiancherebbe a quelli ormai dati per certo: Sergio Povia e Piero Longo. Ma quasi certamente Gioia per avere conferma di questa così come di altre notizie, dovrà attendere che trascorrano le festività natalizie. Nessuna ufficializzazione di candidature sotto l’albero di Natale quindi. Gli incontri tra i movimenti politici e i partiti sono ancora in corso e alcune questioni sembrano ancora in alto mare. Il nome di Nicola Savino, per esempio, è “circolato” negli ambienti di centro e di sinistra. Il che vorrebbe però dire che se il Pd assieme ad eventuali alleati accettasse questa candidatura, sarebbe di difficile ricomposizione la frattura con Sergio Povia che pare non voglia rinunciare a concorrere per ritornare sulla poltrona di primo cittadino di Gioia. Ma il nome di Nicola Savino non sembra dispiacere anche a gruppi su posizioni a cavallo tra il centro e la destra. Sergio Mastromarino ormai “DC” non esclude al momento nulla e commenta così la cosa: “E’ un uomo di alto profilo umano e professionale. Se la sua candidatura fosse condivisa non ci vedrei nulla di male”. Anche in questo caso però si parla di condivisione quale “conditio sine qua non” per l’individuazione del candidato. Altrimenti il rischio è quello di commettere errori del passato, concorrere con coalizione frammentate e concedere così terreno agli avversari. Un errore che nessuno può commettere. Ecco spiegato il perché ci si stia mettendo tanto a ufficializzare le candidature. Ciascuno aspetta di sapere le mosse dell’altro e nel frattempo continua a dialogare. Ma cosa avranno mai da dirsi? Le coalizioni dovrebbero essere il frutto naturale di un percorso politico ed umano e non l’assemblaggio forzato di idee, nomi e voti. Ma può anche darsi che ci si sbagli e tanta cautela la si stia usando per provare a offrire squadre di governo forti ma soprattutto siano in grado di governare per tutta la durata del mandato. Ma tornando al discorso delle alleanze, il gruppo della “DC” sta cominciando a guardarsi attorno senza dare troppo per scontata quella con il “Pdl”. Il gruppo inizialmente composto da Sergio Mastromarino e Giuseppe Longo, si è arricchito di altri nomi. Nel partito è confluito anche Isacco Isdraele e alcuni altri ex consiglieri di centrodestra che in questi giorni stanno incontrando forze politiche e associative più vicine al centro.
povia_003foto_sindaco_piero_longoNicola_Savino_alex

© Riproduzione riservata 16 Dicembre 2011