aggiornato il 03/02/2016 alle 19:26 da

Tirocini retribuiti per i giovani

Giangrazio Di RutiglianoMOLA DI BARI – Il sindaco Giangrazio Di Rutigliano e l’assessore Gianni Russo comunicano che partiranno a breve tirocini retribuiti per giovani tra i 18 e i 35 anni che percepiranno 500 euro al mese, altrettante aziende (ditte individuali, società, artigiani, cooperative e associazioni) coinvolte che percepiranno un contributo pari a 250 euro al mese per tirocinio attivato e la possibilità di trasmettere competenze alle nuove generazioni, di favorire il ricambio generazionale e la nascita di nuova imprenditoria giovanile in settori chiave per il territorio. Sono questi i numeri che il comune di Mola di Bari intende mettere in campo promuovendo la partecipazione del tessuto produttivo locale al Bando emesso da Italia Lavoro e intitolato “Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione”, in scadenza il prossimo 8 marzo. L’iniziativa, che rientra nel programma spa sperimentazioni di politiche attive (Botteghe) di Italia Lavoro, ha un duplice obiettivo: promuovere l’occupazione giovanile (sono coinvolti giovani tra i 18 e i 35 anni non compiuti) e favorire allo stesso tempo il rilancio dei mestieri tradizionali tra le nuove generazioni. Attraverso una reale esperienza sul campo, i giovani avranno l’opportunità di acquisire una professionalità spendibile nel mercato del lavoro, anche attraverso l’avvio di un’attività autonoma. Con l’obiettivo di stimolare la nascita di nuova imprenditoria e i processi di innovazione, internazionalizzazione e sviluppo di reti su base locale, il Comune di Mola ha in particolare scelto di puntare su due settori strategici per il territorio:
– Settore e filiera agroalimentare (coltivazioni ortofrutticole, produzione, lavorazione e conservazione di carne, pesce, frutta, ortaggi, olio, prodotti lattiero-caseari, attività di ristorazione, agriturismo, gelaterie, pasticcerie e preparazioni di cibo da asporto, ecc.).
– Settore dell’artigianato artistico e delle lavorazioni artigianali di eccellenza del territorio (tessuto e ricamo, legno e prodotti in paglia, pelletteria, ceramica, ferro, pietra, strumenti artistici e musicali, restauro, ecc.).
Le aziende (ditte individuali, società, artigiani, cooperative e associazioni) interessate potranno presentare la loro candidatura entro il 24 febbraio 2016 tramite una manifestazione di interesse le cui modalità saranno illustrate alla stampa e alla cittadinanza giovedì 11 febbraio 2016 alle ore 17.30 presso Palazzo Roberti.

© Riproduzione riservata 03 Febbraio 2016