aggiornato il 30/03/2020 alle 9:54 da

Marittimo molese con polmonite sulla Costa Diadema, si teme Covid-19

Respira con l’ausilio dell’ossigeno ed è febbricitante il marittimo molese che lavora a bordo della Costa Diadema. Dopo 24 giorni di navigazione la nave attraccherà nelle prossime ore a Piombino. Non è ancora chiaro se l’uomo, un cinquantenne, sia affetto da Coronavirsu. Ha certamente una polmonite sulle cui cause però saranno i medici, una volta rientrati in Italia ad indagare. Sulla questione è intervenuto il sindaco di Mola di Bari, Giuseppe Colonna. “Il nostro concittadino – ha detto il sindaco – è sfebbrato da due giorni e le sue condizioni sono stazionarie ma ha ancora difficoltà respiratorie”.
“In queste ore – sottolinea Colonna – ho condiviso le preoccupazioni di altre amministrazioni comunali, in particolare di quella di Procida, in merito alla situazione insostenibile dell’equipaggio della Costa Diadema, ma anche di tutti i marittimi, di altre navi italiane, che versano nelle stesse condizioni di vergognosa odissea alla ricerca di un ormeggio sicuro. A tutti e in particolare al nostro concittadino, faccio arrivare la solidarietà e la vicinanza di tutti i molesi. A bordo della nave ci sono 1200 uomini di equipaggio e all’attracco scatteranno tutti i protocolli di sicurezza finalizzati a contenere la diffusione del Coronavirus.

© Riproduzione riservata 30 Marzo 2020

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *
Nome
Email *
Sito web