aggiornato il 11/07/2010 alle 19:30 da

Incidente in via Mazzini

MOLA – È la domenica pomeriggio del ritorno dal mare  quella che crea spesso gl’inganni del procedere per gli automobilisti. Non si può dire se la colpa sia del caldo o dell’incosciente disinvoltura del guidare, a far commettere errori di normale diligenza stradale. Sicuramente , questa volta, è da rubricare come colpa per  precedenza mancata più che negligenza per eccesso di velocità. È toccato ad un conducente di trent’anni non molese, accompagnato da un uomo di tarda età, all’interno di una Renault Clio grigia,  commettere il fallo.  Egli, procedendo incautamente  dalla zona cosiddetta “Torre di peppe” verso zona San Domenico, lungo via Silvio Spaventa, ha preso sottogamba l’eventualità potesse sbucare da via Mazzini una qualche auto improvvisa. E così, invece, è stato. Una Fiat Punto, che aveva iniziato la sua marcia da  piazza dei Mille, proseguendo lungo via Mazzini direzione –stazione ferroviaria , giunta al crocicchio di via Spaventa  con andatura decisa, non s’è fatta alcun problema a stopparsi. In mente, la sua legittimazione alla precedenza che il codice stradale prevede per chiunque abbia vettore direzionale  a destra. Questo ha determinato, nell’immediato, una collisione tra i due autoveicoli, con una testata della Clio diritta al fianco della Punto che, nel movimento, allontanandosi lungo la traiettoria, ha lasciato spazio libero alla Clio poi schiantatasi violentemente contro un palo antiparcheggio. Il palo di cemento completamente a terra e rotto, il muro di cornice del portone residenziale ivi collocato, smussato da tagli d’impatto. I vetri della Clio completamente rotti invece sulla fiancata destra. Feriti gravi non ve ne sono ma la dinamica non ha motivo di ulteriore analisi, visto che i Carabinieri intervenuti hanno affermato sia stato solo un caso di mancata precedenza e nulla di più. Come tante volte è accaduto e come si spera non accada più.

© Riproduzione riservata 11 Luglio 2010

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *
Nome
Email *
Sito web