aggiornato il 16/07/2012 alle 8:37 da

Rimessi in liberta i due giovani sorpresi con la droga

MOLA – sorpresi_con_la_drogaAggiornamento: Sono stati rimessi in libertà, sabato scorso a seguito dell’udienza di convalida del fermo, dal giudice dott.ssa Civitano, i due giovani molesi, di 21 e 23 anni, entrambi incensurati, sorpresi in possesso di 82 grammi di hashish.  Entrambi sono accusati di detenzione di droga a fini di spaccio, mentre il giovane 23enne è accusato anche di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Gli imputati, difesi dagli avvocati Vitangelo Caprio e Luciano Lasaracina, sono stati rimessi in liberta, grazie al fatto che i difensori sono riusciti a dimostrare la mancanza di necessità delle esigenze cautelari.I due giovani molesi saranno processati, con il rito abbreviato, il 12 dicembre prossimo.

 Sono stati sorpresi con 82 grammi di hashish. Si tratta di un 21enne e di un 23enne, entrambi incensurati di Mola di Bari, arrestati dai Carabinieri della locale Tenenza, con l’accusa per entrambi di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti mentre per il primo anche di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

I militari dell’Arma, durante uno specifico servizio nel centro abitato, a seguito di una perquisizione personale a carico dei due giovani, hanno rinvenuto nella disponibilità del 23enne un bilancino di precisione mentre l’altro, al fine di eludere il controllo, si è dato alla fuga tentando di disfarsi durante il percorso dell’Hashish, poco dopo interamente recuperato. Prontamente inseguito dagli operanti, il 21enne è stato raggiunto e definitivamente bloccato dopo che lo stesso, tentando nuovamente di divincolarsi, ha colpito con un pugno un Carabiniere.

Il bilancino, la sostanza stupefacente e la somma in denaro contante di 100 euro, quest’ultima anche detenuta dal 21enne e ritenuta il provento dell’illecita attività, sono stati sequestrati. Il militare se la caverà con qualche giorno di riposo mentre i due giovani, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, sono stati ristretti nelle rispettive abitazioni in regime domiciliare.

© Riproduzione riservata 16 Luglio 2012

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *
Nome
Email *
Sito web