aggiornato il 22/02/2013 alle 8:07 da

Pescavano datteri di mare, due baresi in manette

datteri di mareMOLA – Nell’ambito della costante attività tesa a prevenire e reprimere il fenomeno della pesca illegale in danno dell’ecosistema marino, nella giornata di ieri, militari della Guardia Costiera di Mola di Bari, nel corso di un’operazione mirata a contrastare la pesca di “datteri di mare”, specie di cui è vietata la cattura in qualunque stadio di crescita, in concorso con i Carabinieri della Tenenza di Mola di Bari procedevano all’arresto di due soggetti V.L. di anni 47 e D.F. di anni 23. L’arresto scaturiva a seguito di uno specifico servizio di osservazione di un natante, ed a seguito di un rocambolesco inseguimento per le vie cittadine di Mola di Bari. Difatti, i due soggetti dopo aver lasciato il natante si davano alla fuga a bordo di un’autovettura e, nel forzare il blocco intimato dai militari della Guardia Costiera, tentava di investirne uno e speronarne l’auto. Gli stessi militari della Guardia Costiera con il concorso dei militari dell’Arma dei Carabinieri si ponevano all’inseguimento dell’auto che veniva indotta, con abile manovra, dall’auto dei Carabinieri a fermarsi. Dopo le perquisizioni e gli accertamenti venivano sequestrati oltre a 5 kg di datteri di mare, occultati dai due soggetti e rinvenuti a seguito di accurata ispezione dei luoghi da parte dei militari operanti, il natante e l’autovettura impiegati e le attrezzature subacquee. I due soggetti venivano condotti, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, agli arresti domiciliari in attesa del processo per direttissima che sarà celebrato nella giornata di domani.

© Riproduzione riservata 22 Febbraio 2013