aggiornato il 12/08/2010 alle 15:52 da

Rapinatori incastrati da fotogrammi

MOLA – Armati di taglierino e a viso scoperto, hanno rapinato una banca di Mola di Bari portandosi via 5mila euro in contanti. Identificati grazie alle immagini riprese dalle telecamere interne ed esterne dell’Istituto di Credito, sono finiti in carcere. Si tratta del 42enne Michele Lanave, sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Noicattaro e del 21enne Nicola Annoscia, sempre di Noicattaro e già noto alle forze dell’ordine. Entrambi, arrestati questa notte dai Carabinieri della Tenenza di Mola di Bari, dovranno rispondere di rapina e solo il primo, anche di violazione degli obblighi.

Erano le 15.40 circa quando i malfattori, giunti a bordo di una Mercedes risultata rubata a Noicattaro domenica pomeriggio, hanno fatto irruzione nella banca. Dopo aver puntato il taglierino alla gola di un cliente si sono fatti consegnare il denaro dai dipendenti dell’istituto per poi dileguarsi velocemente.
I Carabinieri della locale Tenenza, intervenuti sul posto, hanno estrapolato le immagini delle telecamere di videosorveglianza sulle quali erano chiaramente visibili i volti dei due oltre al numero di targa dell’auto utilizzata per la fuga, impresso in uno dei fotogrammi di una telecamera esterna. A quel punto indirizzate le ricerche nel comune di Noicattaro, visto che il mezzo era stato rubato proprio in quel centro e grazie alla preziosa collaborazione dei militari della locale Stazione, gli operanti sono riusciti a dare un nome ai rapinatori, rintracciati e bloccati all’alba presso le loro abitazioni. Le successive perquisizioni hanno consentito di rinvenire, nella casa del 21enne, un paio di scarpe “Nike” bianche con strisce scure indossate durante il colpo e, nell’abitazione del 42enne, una maglia bianca con una scritta “D&G” in rilievo utilizzata dallo stesso durante la rapina. I due sono stati associati presso la casa circondariale di Bari.

© Riproduzione riservata 12 Agosto 2010

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *
Nome
Email *
Sito web