aggiornato il 30/05/2012 alle 23:05 da

Voices, talenti sul palco di Palazzo Roberti

SAM_2260_sitoMOLA – Successo incredibile per il concerto “Voices Special Edition”, organizzato dalla Scuola Secondaria di I Grado “Alighieri – Tanzi” tenutosi martedì sera sul palco del Palazzo Roberti.
Il concerto è stato ideato per offrire ai ragazzi l’occasione di mettersi in gioco, osare, stupire e, più che mai, esprimersi con la potenza della musica. L’invito è stato colto con grande entusiasmo: più di quaranta alunni hanno deciso di esibirsi, senza esclusione d’età. Persino i più piccoli hanno temerariamente calcato la scena ammaliando i presenti con le loro deliziose voci.
Tutti i partecipanti hanno scelto personalmente il brano da interpretare, pertanto il repertorio presentato è stato incredibilmente vario: ben 36 canzoni che spaziavano dai classici I will always love you di Whitney Houston ai singoli che hanno decretato il successo di Alessandra Amoroso, Emma Marrone, Francesca Michielin, passando per il rap irriverente di Caparezza fino alle struggenti melodie di Adele.
Un’esibizione durata ben tre ore, ciononostante il pubblico ha occupato Palazzo Roberti fino alla fine della serata. Non sono mancati momenti di grande emozione: tanti genitori si sono commossi davanti al talento e alla caparbietà dei loro figli e alla vista dei bellissimi cartelloni realizzati dagli amici per sostenerli.
Ciascun partecipante è stato premiato con dei regali generosamente offerti dagli sponsor della serata.
Prima della premiazione è stato presentato un brano inedito scritto dalla professoressa Maria Teresa Susca e musicato dal professor Antonio Recchia: “Mola”, una canzone dedicata al nostro dolce paese e a tutti i suoi nativi, in qualunque parte del mondo si trovino o si troveranno. Una canzone che racconta di una partenza, di nostalgia, del richiamo della terra madre alla quale facciamo ritorno per ritrovare noi stessi, la nostra identità.
Un’esperienza indimenticabile, con l’augurio che sia la prima di una lunga serie: oggi più che mai la scuola deve farsi compagna di viaggio e insegnare ai ragazzi a vivere appieno, a credere in se stessi, a prendere coraggio, affinché abbiano la grinta necessaria per essere protagonisti di quel meraviglioso spettacolo che è unico al mondo, la loro vita.

© Riproduzione riservata 30 Maggio 2012