aggiornato il 12/10/2010 alle 9:46 da

Ampliamento di via Caracappa e via Sant’Onofrio: il consiglio comunale accoglie parzialmente alcune osservazioni

MOLA – ampliamentoNel corso del Consiglio Comunale di lunedi 11 ottobre l’assemblea ha discusso e accolto parzialmente alcune osservazioni provenienti dai cittadini riguardanti il progetto di ristrutturazione e ampliamento di via Caracappa e via Sant’Onofrio, nella zona sud-est del paese. “Con questo voto del Consiglio Comunale – ha commentato l’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune Nico Papeo – la realizzazione del progetto compie un passo importante verso la sua realizzazione. Si tratta di osservazioni provenienti da privati cittadini riguardanti in particolar modo variazioni al tracciato della strada che non modificheranno la funzionalità della stessa né la sostanza del progetto. Passeremo ora queste variazioni al progettista che ne terrà conto nella redazione del progetto esecutivo.” “Questo progetto – ha detto il Sindaco di Mola Stefano Diperna – è destinato a mutare in modo considerevole le abitudini dei molesi e a incidere in modo significativo sul quotidiano della città, dunque è necessario che sin dalla sua nascita sia il più possibile conosciuto e condiviso dai cittadini. L’accoglimento di queste variazioni, che non snaturano, anzi per molti versi agevolano la realizzazione dell’opera, è una ulteriore dimostrazione di come la nostra amministrazione ascolti le esigenze dei cittadini e li coinvolga nelle decisioni più importanti.” Come è noto, il progetto prevede interventi sul sistema della viabilità per circa 1.8 km, la realizzazione di una pista ciclabile e opere di urbanizzazione primaria. Nel dettaglio sono previsti: l’allargamento di via Caracappa e via Mancini sino a Largo Torre di Peppe e via Sant’Onofrio, la realizzazione del prolungamento di via Vittorio Emanuele II e via Silvio Spaventa fino a via Caracappa e la realizzazione di due rotatorie. Previsti anche interventi per lo smaltimento delle acque meteoriche (con impianto di grigliatura, di sabbiatura e disoleazione) e un sistema della pubblica illuminazione. L’intervento, per il quale l’Amministrazione ha recuperato un finanziamento regionale di circa tre milioni di euro, è strategico per la viabilità cittadina e consentirà di superare in modo più agevole la barriera ferroviaria e di alleggerire il traffico sul lungomare attraverso quello che di fatto rappresenta il primo tentativo di tangenziale di Mola.

© Riproduzione riservata 12 Ottobre 2010