aggiornato il 17/03/2016 alle 10:30 da

Sei vie cittadine avranno le nuove targhe di toponomastica

vie monopolivie monopoli2vie monopoli3vie monopoli4vie monopoli5MONOPOLI – Con una cerimonia svoltasi a Palazzo di Città nella sala “Brigida-Rozzoli” sono state presentate ai parenti, associazioni e alla città le dodici di targhe di toponomastica relative alle vie di recente intitolazione. L’incontro ha visto la partecipazione del Sindaco Emilio Romani, il quale, con il contributo degli intervenuti, ha ricordato la figura delle sei personalità a cui sono intitolate le strade.

In particolare, come indicato dall’Ordinanza Sindacale n. 540 del 3 dicembre 2015, al Sottotenente Francesco Custodero (1913-1943) deceduto nell’eccidio dell’isola greca di Kos del 1943, è stata intitolata la traversa di via Conchia che insiste nella Lottizzazione Borgonovo Fusillo. Un breve ritratto di Custodero è stato esposto dal Dott. Mario Angiulli. La traversa di via Conchia che insiste nella Lottizzazione Convertini è stata intitolata al monopolitano Generale Oscar Laganà (1922-2005) la cui figura è stata ricordata dal fratello Walter Laganà.

La strada di collegamento (compreso sottopasso) tra Viale Aldo Moro e Viale Giacomo Puccini è stata intitolata al giornalista Michele Viterbo (1890-1973). Era presente il figlio Nicola Viterbo. La strada di collegamento tra la via Traiana e via Procaccia è stata intitolata alla cofondatrice dei Santuario di Pompei Marianna Farnararo (1836-1924) le cui gesta sono state ricordate dal dott. Felice Giancaspro dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e dalla prof. Ada Ignazzi.

Con l’Ordinanza Sindacale n.545 del 26 ottobre 2012 all’ex Segretario Capo del Comune di Monopoli Cav. Clemente Cancelli (1881-1940), deceduto durante un bombardamento aereo inglese del 1940, è stata intitolata la nuova strada di collegamento tra via Conchia e la strada Spirito Santo. Nel corso dell’incontro la nipote Silvia Russo ha letto una lettera della nonna Rachele, vedova Cancelli.

Infine, si è colta l’occasione per ricordare la figura del medico e del deputato del Regno d’Italia Luigi Capitanio (1863-1922) al quale è intitolata da tempo una strada sulla quale non era ancora stata apposta una targa di identificazione. Era presente il nipote Franco Capitanio.

© Riproduzione riservata 17 Marzo 2016