aggiornato il 08/04/2011 alle 14:02 da

Chiesa San Salvatore: 400 mila euro per i restauri

MONOPOLI – s.-salvatore-2s.-salvatore-008“Con la condivisione di tutti i gruppi parlamentari ha cominciato il suo iter in commissione cultura in attesa di ricevere i pareri la proposta di legge C. 4071 Disposizioni per la conservazione, il restauro, il recupero e la valorizzazione di monumenti e per la celebrazione di eventi storici di rilevanza nazionale firmata anche dal sottoscritto. Il provvedimento composto da 11 articoli prevede il finanziamento di iniziative volte al recupero del patrimonio monumentale presente nel paese, che necessita di interventi di restauro. E’ una grande opportunità che viene offerta alla città di Monopoli considerato che all’art. 8 è previsto un finanziamento di 400.000,00 euro negli anni 2012 e 2013 finalizzati al recupero della Chiesa San Salvatore che con questa legge rientra pertanto tra il patrimonio d’interesse nazionale.” E’ quanto ha dichiarato l’on. Zazzera, deputato IDV, uscendo dalla commissione cultura in cui è stato deliberato all’unanimità l’avvio dell’iter legislativo della proposta di legge C. 4071 per il restauro dei beni monumentali. La legge dovrà nella prossima settimana ricevere i pareri delle commissioni competenti prima di essere definitivamente approvata.  “Per la prima volta, lo annuncio con orgoglio, è stato possibile inserire in una legge nazionale un patrimonio monumentale della nostra città di grande importanza come la Chiesa del San Salvatore, il cui stato di degrado non può essere più accettato. Ho sempre detto che mi sarei impegnato per ridare vita a questo bene così importante per la mia città – prosegue il deputato monopolitano – affinché possa essere restituito ai cittadini, perché ne possano godere dello splendore e possa essere meta di turisti. Il patrimonio culturale è una occasione dove i soldi sono sempre ben spesi, perché investire nel recupero dei beni monumentali del paese significa creare opportunità di lavoro e ricchezza. La Chiesa del San Salvatore si trova all’interno del centro storico, affacciata sul mare come a proteggere i nostri pescatori che si accingono a salpare ogni giorno il mare per portare il pane a casa. Il San Salvatore mi auguro diventi spazio aperto da offrire alla comunità per creare cultura nella città”. “La legge C. 4071 prevede che i lavori di restauro siano coordinati dalla Soprintendenza per quanto riguarda tutte le procedure formali. Ringrazio la commissione tutta per l’attenzione mostrata verso la mia proposta e Don Vito Castglione con il quale mi sono in questi giorni relazionato, oltre ai giovani del CTG impegnati da tempo a recuperare storicamente il bene attraverso un’attenta azione di informazione e sensibilizzazione. Questa legge certamente non è sufficiente, ma mi auguro – conclude l’on. Zazzera – sia solo l’inizio di successive iniziative, perché la Chiesa del San Salvatore possa vedere il completo recupero e uscire definitivamente dallo stato di abbandono in cui versa attualmente.”

© Riproduzione riservata 08 Aprile 2011