aggiornato il 12/04/2011 alle 13:57 da

Monopoli in lutto, si è spento Vito Grattagliano

Vito-GrattaglianoIMMENSO CORDOGLIO DEL BASKET MONOPOLITANO PER LA PREMATURA ED IMPROVVISA SCOMPARSA DI VITO GRATTAGLIANO

Vito Grattagliano è morto ieri pomeriggio a soli 45 anni per l’improvviso manifestarsi di un problema cardiaco mentre era regolarmente al lavoro presso il Policlinico di Bari. Immensi la commozione e lo sgomento di tutti coloro che hanno avuto il modo e la fortuna di conoscerlo. Quando un evento simile colpisce una persona nel pieno degli anni è logico restare sorpresi; nel caso di Vito, medico reumatologo e congressista già di altissimo livello, che era stato per anni atleta infaticabile, il fatto che sia stato strappato alla vita in modo così violento non può che lasciare ancora di più tutti attoniti e sgomenti. Così lo ricorda Angelo Barnaba, consigliere nazionale FIP: “Monopoli ha perso uno dei suoi figli migliori, noi gente di basket un amico sincero, che sapeva esserci anche adesso che gli impegni di lavoro e di famiglia lo tenevano lontano da quei parquet che per molti anni aveva tanto amato. Vito è sempre stato semplicemente il migliore, un modello inarrivabile per la mia generazione, un ragazzo bellissimo, che aveva il talento di non far mai pesare agli altri il fatto di essere straordinario in tutto quello che faceva. Studente brillante, sportivo autentico e tenace, cestista in possesso di fisico, tecnica e carattere eccellenti, in seguito medico capace di costruirsi con il quotidiano sacrificio una carriera professionale già strepitosa in relazione all’età: il “Dottore” è stato tutto questo, ma è stato anche molto di più, perché in questo straordinario percorso non ha mai lasciato indietro nessuno, ammantando con la sua umanità coinvolgente le persone che condividevano con lui anche solo una piccola parte del cammino. Mancheranno a tutti il suo magnifico sorriso, la sua folgorante ironia, il suo saper essere disincantato eppure così partecipe delle vicende di ognuno. Vito, con il candore della sua anima bella, è riuscito ad essere anche il figlio, il fratello, il marito ed il padre ideale: per questo la grande famiglia del basket monopolitano non può che rivolgere il più affettuoso dei pensieri alla sua famiglia, sconvolta da questo lutto così ingiusto e vigliacco. Con generosità infinita Vito ha impiegato la sua vita donando ogni giorno un pezzo del suo immenso cuore a tutti quelli che ha incontrato, senza risparmiarsi mai, fino a restarne senza… Questo era Vito Grattagliano, l’amico di tutti, un Uomo che ha lasciato una traccia così bella e luminosa da accompagnarci per sempre. Arrivederci Amico, e grazie per tutto quello che ci hai insegnato e regalato”.        

© Riproduzione riservata 12 Aprile 2011

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento