aggiornato il 15/07/2010 alle 17:55 da

Realizzato da noi il primo peschereccio norvegese

MONOPOLI – La politica della pesca va verso la migliorabilità delle condizioni di bordo e dell’equipaggio, nell’ottica di una migliore fruibilità e sicurezza del mare. E’ la concezione alla base delle nuove “creature marittime” portate alla luce dal cantiere navale Vincenzo Saponara che si è occupato della progettazione e della realizzazione di due nuovi pescherecci per pesca professionale, battezzati dalle proprietà “Balena” e “Mario”. Si tratta di due imbarcazioni differenti per forma e destinazione d’uso: la prima, che rimarrà nel parco pescherecci di Monopoli, arriva a 20 metri di lunghezza, presenta una prua slanciata e, con una stazza di 25 tonnellate, verrà adibita alla pesca a strascico. La seconda, invece, che verrà utilizzata per la pesca di pesce spada e tonno, con le sue 50 tonnellate di stazza, prenderà il largo verso Marsala (Sicilia). Peculiarità di quest’ultima è, infatti, la particolare prua realizzata su disegno “norvegese”, vanto e inequivocabile simbolo della maestria e professionalità della cantieristica Saponara che per la prima volta l’ha realizzata in Italia. Grazie alle dimensioni più grandi della media rispetto ai tradizionali pescherecci, dove anche gli spazi più angusti sono stati ottimizzati per essere sfruttati al meglio, curando l’allestimento interno dotato di strumentazione di ultima generazione, l’imbarcazione garantisce una maggiore abitabilità e salubrità per l’equipaggio, permettendo di effettuare in sicurezza e comfort lunghe percorrenze. Un fiore all’occhiello per i cantieri navali Saponara che, mercoledì dopo aver ultimato le finiture presso via Marina del Mondo, hanno spostato i due mezzi presso Cala Fontanelle sino al suggestivo varo che invece si terrà domenica, attorno alle 11.30, presso il porto di Monopoli.

© Riproduzione riservata 15 Luglio 2010