aggiornato il 15/10/2012 alle 16:05 da

Concluso il congresso internazionale su aggiornamenti in contattologia e ottica oftalmica

Foto_Trotta_relatori_4_congresso_contattologiaMONOPOLI – Successo ben oltre le aspettative della quarta edizione del Congresso Internazionale su aggiornamenti in Contattologia ed Ottica Oftalmica, organizzato da Formazione Continua in Medicina, con il patrocinio della Federottica Bari, dell’Università del Salento e del Comune di Monopoli. Oltre duecento persone – ottici, oftalmologi, optometristi, contattologi, studenti ed aziende del settore – hanno infatti preso parte alle due giornate dedicate al tema “Qualità della visione: approccio interdisciplinare alla sua valutazione e al suo miglioramento”. Ricchissimo il programma del congresso, svolto nelle sale dell’Hotel Porto Giardino a Monopoli, che nella giornata di domenica ha visto la partecipazione di esperti di fama internazionale, per poi lasciare spazio lunedì mattina a workshop ed esercitazioni pratiche, grazie alle strumentazioni di ultima generazione messe a disposizione dalle aziende del settore.
Il più grande convegno del Sud Italia dedicato alla contattologia ed all’ottica oftalmica si è aperto domenica 14 ottobre con l’intervento dei monopolitani Domenico Brigida (ottico optometrista) e Vita Cazzorla (psicologa), che hanno sottolineato l’esigenza di comprendere la reale sensazione di qualità della visione percepita dalla gente, perché non bastano i 10/10 se non vi è la piena soddisfazione dell’utente. E’ con tale obiettivo, dunque, che nasce il “Progetto Psico-Optometrico”, che grazie alla somministrazione di un questionario prima e dopo di qualunque intervento optometrico, consentirà nell’arco di un anno di verificare se vi sia una percezione di benessere, non solo oggettivo ma soprattutto soggettivo. Dunque, se vi sia un miglioramento della qualità della vita, in relazione ad un campione di persone che invece non ha alcun disturbo visivo.
La sessione plenaria è proseguita con gli interventi di Roberto Volpe, medico oculista dell’Università di Firenze, sulla morfologia dell’occhio, ed Alessandro Farini dell’Istituto Nazionale di Ottica Applicata di Firenze, sulle basi neuronali della visione. Tra i più attesi, i relatori di fama internazionale, il prof. Pedro M. Prieto, fisico dell’Universidad de Murcia – il quale ha trattato il tema dell’Aberrometria  e l’interpretazione dei suoi risultati – ed il dott. Tom van den Berg della Netherlands Institute for Neuroscience, che ha coinvolto l’intera platea con i suoi esperimenti sullo “Straylight”. Nel corso della giornata, inoltre, grande interesse hanno riscosso gli interventi di Luciano Parentim (Ottico Optometrista, Università di Firenze), Mauro Frisani, (Ottico Optometrista, Università di Torino), Roberto Volpe (Medico Oculista, Università di Firenze), Carlo Falleni (Ottico Optometrista, Università di Torino), Fabio Carta (Ottico Optometrista, Cagliari), Luca Benzoni (Ottico Optom FIACLE FBCLA, Università Bicocca Milano), Mo Jalie (Università dell’Uster), Michele Carullo (Medico Oculista, Monopoli) e Luigi Seclì (Università del Salento).
Più che soddisfatto il coordinatore scientifico Giancarlo Montani: “Il congresso è andato ben oltre le aspettative per numero di presenze e grado di interesse degli oltre duecento partecipanti. E’ stata un’importante occasione per studenti ed esperti del settore per apprendere importanti aggiornamenti sulle tecniche di valutazione e gestione della visione per migliorarne la qualità. Perché può non esser più sufficiente consigliare la semplice lente a contatto, ma spesso occorrono ulteriori strumentazioni. Oggi, infatti, abbiamo a disposizione strumenti molto efficienti e con grosse potenzialità per andare oltre la routine delle procedure di valutazione e gestione delle problematiche di natura visiva”.
Migliorare la qualità della visione per migliorare la qualità della vita, dunque, si può.
E sulla scia dell’entusiasmo del congresso appena concluso, già si pensa alla prossima edizione, con tematiche sempre di grande attualità per la professione ottico-optometrica. L’appuntamento, quindi, è fissato per ottobre 2013, sempre a Monopoli.

© Riproduzione riservata 15 Ottobre 2012