aggiornato il 10/12/2012 alle 18:22 da

Rifiuti, Marasciulo: il Comune chiede al Tar la rescissione del contratto con l’Aimeri

sergio_marasciuloMONOPOLI – Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere comunale Sergio Marasciulo

Egregio Sindaco,
diciamo finalmente la verità: il fallimento vero che si sta consumando sul tema “rifiuti” a Monopoli, con l’avvio del procedimento di recesso contrattuale nei confronti della società appaltatrice, è il  fallimento della Tua Amministrazione, prima ancora che della società AIMERI.
Quasi 5 lunghi anni ci sono voluti per arrivare a tale assurda, prevedibile e deleteria conclusione, 5 anni in cui la città è stata lasciata allo sbando e letteralmente abbandonata alla mera improvvisazione sulla rilevante tematica concernente la “gestione dei  rifiuti” e non solo.
Per 5 anni, trascorsi inutilmente, hai vissuto con la Tua Maggioranza in un altro pianeta a discutere del nulla, prendendo per i fondelli i cittadini fino ad arrivare a contrabbandare la Tua  ricandidatura con la promessa di realizzare un porta a porta spinto senza uno straccio di pianificazione ecologica.
Per far questo, Caro Sindaco,  hai chiesto ai tuoi concittadini di pagare molto di più la TARSU e l’IMU, dilapidando il patrimonio della collettività con la svendita dei gioielli di famiglia (area Pagano, monetizzazione SICIE ecc.).
E che dire delle risorse che hai impegnato e investito in campagne di sensibilizzazione per la popolazione in favore del contenimento della produzione e alla differenziazione dei rifiuti?
Da quando Ti sei insediato, oltre che  ad una involuzione sociale, economica e culturale della nostra città, abbiamo assistito ad una scellerata gestione della cosa pubblica da parte di un sindaco e di una maggioranza che, nonostante le insanabili divergenze politiche ed amministrative, per cinque  lunghissimi anni ha continuato a sopportarsi.
A questo punto, sarebbe più serio, oltre che logico, che il fallimento Tuo e della Tua Maggioranza fossero certificati con le Tue dimissioni, per consentire a soggetti più responsabili di avviare un duplice percorso:

1) Politico, volto a creare un progetto alternativo che si allarghi a tutte le forze, i movimenti politici e le singole personalità che abbiano a cuore le sorti della nostra città.

2) Amministrativo, finalizzato a ridare dignità e legalità ai più elementari principi di diritto amministrativo che, in questi anni, hanno conosciuto le distorsioni più acute in ogni atto partorito dall’attuale Maggioranza.

Con tale auspicio, resto in fiduciosa  attesa di riscontro.

Sergio Marasciulo

Consigliere Comunale

© Riproduzione riservata 10 Dicembre 2012