aggiornato il 10/05/2013 alle 13:45 da

Dal Cipe fondi per l’ammodernamento del depuratore

depuratore1MONOPOLI – Il Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) ha finanziato il progetto per l’ammodernamento ed il potenziamento dell’impianto di depurazione di Monopoli sito in località Torre d’Orta.

L’intervento ricade tra quelli previsti dalla Delibera del 3 agosto 2012 “Fondo per lo sviluppo e la coesione. Programmazione regionale delle residue risorse del FSC a favore del settore ambientale per la manutenzione straordinaria del territorio” e, in particolare, tra quelli ad alta priorità ambientali relativamente al servizio Idrico Integrato nella Regione Puglia dei quali l’Acquedotto Pugliese è stato individuato quale soggetto attuatore. Ora sarà l’Ente Regionale ad approvare definitivamente il progetto finanziato con € 5.700.000.

Gli strumenti pianificatori non prevedono la delocalizzazione del depuratore a servizio del Comune di Monopoli ma importanti interventi di adeguamento e potenziamento al fine della salvaguardia igienico-sanitaria e ambientale.

Dopo una serie di demolizioni, sono previsti la realizzazione di una nuovo comparto di grigliatura, dissabbiatura e di una nuova vasca di equalizzazione; la realizzazione di due nuove vasche denitrificazione a pianta circolare, una per la sedimentazione primaria e l’altra per il pre-ispessimento dei fanghi secondari; la realizzazione del sistema di regimentazione e smaltimento delle acque meteoriche con relativa vasca di trattamento acque di prima pioggia; la realizzazione di setti per sezionamento e del selettore anossico, della vasca di denitrificazione e l’ampliamento della volumetria di ossidazione con relativa sostituzione del sistema di distribuzione aria; la realizzazione del locale soffianti (per l’ossidazione) all’interno del locale di disidratazione meccanica dei fanghi; la realizzazione di una nuova campana gasometrica a membrana, revamping tecnologico dell’attuale comparto di digestione anaerobica dei fanghi e realizzazione del nuovo sistema per l’agitazione dei fanghi.

Per una più efficace gestione dell’impianto sarà installato un sistema di telecontrollo locale, il rifacimento dì tutto l’impianto elettrico, l’installazione di tre nuove torri faro e l’adeguamento dell’impianto alle nuove norme antincendio.

© Riproduzione riservata 10 Maggio 2013