aggiornato il 24/09/2010 alle 15:30 da

I vandali devastano Palazzo Palmieri

MONOPOLI – I  vandali, questa volta, hanno colpito al cuore. Palazzo Palmieri, uno dei simboli del nostro inestimabile patrimonio storico, porta ancora i segni dell’incursione di una banda di sconsiderati. A fare la scoperta, alla vigilia della riapertura prevista nel fine settimana nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio, sono stati i responsabili dell’Iprab. L’immobile settecentesco è inaccessibile da agosto, cioè da quando sono terminate le riprese della fiction Rai “Una Musica Silenziosa”.  Da allora le porte sono chiuse a chiave, ma i vandali hanno trovato comunque il modo per introdursi all’interno. Dopo una accurata ispezione, infatti, i carabinieri hanno scoperto che i balordi si sono introdotti forzando una porta d’accesso laterale. Una volta all’interno, i vandali hanno lasciato dietro una scia di danni e devastazione. Negli ambienti al piano terra sono stati rovesciati mobili e suppellettili. In una stanza, invece,  sul pavimento sporco di caffè, sono stati rinvenuti cuscini e lenzuola, tazzine e piatti rotti. Nell’androne del palazzo, dove compaiono ancora i cartelli utilizzati nella fiction, sono stati ammassati rifiuti di ogni genere, stracci e materiale prelevato dai laboratori. Alcune cartacce sono state bruciate vicino al muro che risulta annerito dal fumo. I vandali-piromani hanno dato il meglio al primo piano dove hanno incendiato cumuli di documenti, soprattutto registri di classe risalenti agli anni 30-40. Le fiamme hanno purtroppo danneggiato la pavimentazione nonchè le pareti. Drappeggi strappati, pavimenti insudiciati e persino provette da laboratorio abbandonate fanno da cornice a questo triste quadro. L’accaduto è stato segnalato ai carabinieri. Sul posto, per eseguire i rilievi utili ad acquisire elementi utili all’identificazione dei balordi, sono intervenuti i carabinieri del nucleo operativo e quelli della stazione. Sull’accaduto gli inquirenti non si sbilanciano ma sembrerebbe che i vandali abbiano agito nella tarda serata di venerdì. A confermarlo sarebbero state le testimonianze di alcuni residenti che al momento sono al vaglio dei carabinieri. L’ipotesi più accreditata è che si sia trattato di una bravata di adolescenti.

© Riproduzione riservata 24 Settembre 2010