aggiornato il 27/01/2012 alle 11:18 da

Terminata la protesta, si torna alla normalità. E arriva la benzina

MONOPOLI – DSC_0687Rientrato lo sciopero dei camionisti, partito dalla Sicilia, che aveva contagiato, in settimana, il resto d’Italia. Si è tornato alla normalità, per fortuna, almeno per quanto concerne il trasporto su strada. Gli autotrasportatori, in condivisione con le sigle sindacali, avevano annunciato almeno quattro giorni di fermo, fino al 27 gennaio, contro le misure «lacrime e sangue» del governo. A scatenare la protesta gli aumenti sui carburanti e sui pedaggi autostradali e non solo. Giovedì però, i Prefetti pugliesi hanno detto basta notificando lo sgombero immediato dei tir dalle tangenziali, provinciali ed autostrade. A Monopoli, la settimana è trascorsa in linea con la psicosi generata nel resto d’Italia: da quando i notiziari meridiani di lunedì, e i quotidiani martedì, hanno diffuso la notizia dello sciopero, gli automobilisti hanno assaltato le pompe di benzina, anticipando così la chiusura delle stazioni di servizio. Lunghe code di macchine, ferme al self service anche fino a tardi, in alcune situazioni invadendo le arterie e bloccando la circolazione. Nel nostro continuo sondaggio abbiamo appreso che l’ultimo carico delle cisterne è stato effettuato tra venerdì e sabato della scorsa settimana e l’autonomia, per qualcuno, poteva soddisfare le richieste fino a metà settimana. Ma con l’afflusso di massa, specie martedì sera, le stazioni di rifornimento sono andate improvvisamente a secco.

Così mercoledì mattina, un po’ ovunque, è apparso scritto «carburante esaurito». Le 24ore successive a mercoledì sera si sono rivelate le più critiche. La serrata dei tir ha penalizzato un altro settore, l’agroalimentare. Iper e supermercati svaligiati dalla fobia di quanti, fin troppo previdenti, hanno cominciato ad approvvigionarsi in maniera abnorme. Scaffali lacunosi di pasta, carne, frutta e verdura, latte, pane, uova. Ma le grandi catene di supermercati presenti in città, sin da subito, hanno cercato di rassicurare la clientela. Da oggi, come detto, l’emergenza è rientrata e adesso le dispense dei monopolitani sono piene.

© Riproduzione riservata 27 Gennaio 2012

Non ci sono commenti, di la tua qui sotto!


Aggiungi un commento